Speranza: “Il vaccino, un atto semplice che salva vite”

Il Ministro della Salute è intervenuto all'inaugurazione del nuovo hub vaccinale alla Stazione Termini di Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:46

“Come istituzioni, unite, chiediamo ancora alle persone la massima attenzione e cautela, perché il virus circola, è presente tra di noi e non si può abbassare la guardia. Ma noi vogliamo rivolgere un messaggio di fiducia perché questa battaglia la vinceremo e l’arma principale è proprio il vaccino”. Sono queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, in occasione dell’inaugurazione del nuovo hub vaccinale alla stazione Termini di Roma. “Dobbiamo insistere e parlare con chi ha ancora dubbi: il vaccino è un atto semplice che salva se stessi e salva gli altri. Salva tutti. Questo mese di marzo, che non sarà semplice, dobbiamo fare un grande sforzo per vincere questa battaglia“.

Il discorso di Speranza

“Il Lazio è stata ed è tra le regioni che stanno costruendo quest’uscita dal tunnel. Ieri abbiamo superato in Italia le 5 milioni di somministrazioni totali, stiamo crescendo giorno dopo giorno e tanto potremo crescere soprattutto quando avremo più dosi dalle agenzie farmaceutiche”. 

“Ogni volta che un luogo come questo prende vita è un pezzo di strada in più verso il traguardo, quello di tornare alle nostre vite bloccate da un anno da questa battaglia. Ogni centro vaccinale è un luogo di fiducia, di speranza – ha detto il Ministro -. Vincere la battaglia sanitaria è la premessa per la ripartenza economica, culturale e sociale del Paese. Il virus è ancora forte, è presente tra noi e le varianti lo rendono ancora più complesso da gestire e più veloce nella capacità di diffondersi. Ma abbiamo nuovi strumenti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.