Speranza: “Estendere l’utilizzo di AstraZeneca anche agli over 65”

Finita la riunione sul piano vaccini anti-Covid 19 tra i ministri Gelmini (Affari regionali) e Speranza (Salute)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39

Si è conclusa alle 12:00 di oggi la riunione Governo Regioni sui vaccini, durante la quale il ministro della salute, Roberto Speranza ha chiesto di “Estendere l’utilizzo di AstraZeneca anche agli over 65”.

Alla riunione sul piano vaccini anti-Covid 19 tra i ministri Mariastella Gelmini (Affari regionali) e Roberto Speranza (Salute) erano presenti i presidenti di Regione, il commissario all’emergenza, generale Francesco Figliuolo, e il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio.

All’incontro in videoconferenza hanno partecipato anche il presidente dell’Associazione Comuni (Anci) Antonio Decaro e quello dell’Unione delle Province (Upi) Michele de Pascale. Si è trattato di un primo confronto per ottimizzare la campagna di somministrazioni, centralizzando e uniformando le scelte sulle categorie da vaccinare.

Speranza: “Italia oggi a 5 milioni dosi iniettate”

Il ministro della Salute alla riunione Governo-Enti locali ha esposto i numeri della campagna vaccinale degli ultimi giorni in Italia ricordando “le oltre 180 mila dosi somministrate ieri e la soglia delle 5 milioni di somministrazioni che sarà raggiunta oggi”.

“Va inoltre istituito – ha aggiunto – un fondo di solidarietà per la campagna vaccinale”. Secondo quanto si apprende è quanto ha proposto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, nell’incontro con le Regioni.

“Si potrebbe accantonare l’1-2 % da ciascuna consegna per la creazione di riserve da utilizzare con strategia reattiva nelle zone in cui il virus si propaga con maggiore forza e rapidità, anche a causa delle varianti”, ha concluso Speranza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.