Spari e esplosioni in un ospedale di Kabul

La struttura sanitaria si trova nel centro di Kabul e già quattro anni fa era stata colpita da un attentato dell'Isis

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:04
apatheid

Nella mattinata di oggi in seguito a delle esplosioni avvenute in prossimità dell’ospedale militare Sardar Mohammad Dawood Khan di Kabul, il più grande dell’Afghanistan, almeno 19 persone hanno perso la vita e altre 50 sono rimaste ferite. Lo ha detto agli organi di stampa Qari Sayed Khosti, portavoce del ministero degli Interni.

La dinamica dei fatti

Dalle prime risultanze investigative è emerso che le esplosioni potrebbero essere state due, seguite da una serie di raffiche di arma da fuoco. Già quattro anni fa la struttura sanitaria era stata fatta oggetto di un attentato ad opera del sedicente stato islamico, in cui avevano perso la vita cento persone.

Secondo le testimonianze delle persone sul posto le esplosioni e i colpi d’arma da fuoco sarebbero cominciati dal checkpoint in prossimità dell’ospedale.

La rivendicazione

Lo Stato Islamico-Khorasan (Is-K), rivale dei talebani, ha rivendicato l’attentato. In un comunicato diffuso sui propri canali Telegram, il gruppo ha affermato che “cinque combattenti del gruppo dello Stato Islamico hanno effettuato attacchi coordinati simultanei” sul vasto sito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.