Siracusa: 21 indagati per la morte di Paternò avvenuta dopo la vaccinazione

La procura di Siracusa dovrà accertare eventuali criticità sulla corretta conservazione e sull'utilizzo della dose di vaccino AstraZeneca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:05
Il sottufficiale della Marina Stefano Paternò

Sono 21 gli indagati dalla procura di Siracusa che dovrà accertare eventuali criticità sulla corretta conservazione e sull’utilizzo della dose di vaccino AstraZeneca somministrata lunedì mattina al sottufficiale della Marina Stefano Paternò, morto per arresto cardiocircolatorio tra le mani dei medici rianimatori del 118 ventiquattr’ore dopo avere ricevuto l’immunizzazione. Per tutti, l’accusa è di omicidio colposo.

La morte del carabiniere Maniscalco

L’autopsia sul corpo del vicecomandante della sezione di Pg dei carabinieri di Trapani, Giuseppe Maniscalco, avrebbe invece escluso la morte per trombosi. Il militare al quale era stato somministrato il vaccino AstraZeneca proveniente dal lotto ABV2856 sospeso da Aifa, sarebbe morto per un infarto.

Il militare dell’Arma era stato male dopo avere assunto la dose. Su disposizione della procura, il Nas dei carabinieri sta sequestrando le fiale del lotto ABV2856 in tutta Italia.

Gambino: “Niente allarmismi”

“Niente allarmismi ed evitiamo di creare una psicosi collettiva – dice a Repubblica la procuratrice della Repubblica di Siracusa, Sabrina Gambino, che invita alla calma -. Può trattarsi di una coincidenza. Solo l’autopsia ci chiarirà le cause della morte”.

“Poche ore dopo aver disposto i primi accertamenti sulla morte e sulla somministrazione del vaccino mi sono recato all’hub di Siracusa per vaccinarmi con la prima dose di Astrazeneca. Ritengo sia fondamentale avere fiducia nella campagna vaccinale per superare questa emergenza”.

Agnello: “Infarto non causato dal vaccino”

“Il maresciallo Maniscalco – dice il procuratore della Repubblica di Trapani, Maurizio Agnello – è deceduto per infarto oltre 48 ore dopo la somministrazione del vaccino. Allo stato non vi sono evidenze da cui desumere che l’infarto è stato causato o anche concausato dal vaccino, sono in corso accertamenti di tipo istologico”.

La morte del poliziotto Davide Villa

Un fascicolo al momento senza indagati in cui si ipotizza il reato di omicidio colposo è stato invece aperto dalla procura di Catania. Riguarda la morte di Davide Villa, 50 anni, agente della squadra mobile di Catania, deceduto 12 giorni fa. Villa due settimane prima del decesso era stato sottoposto al vaccino AstraZeneca.

Al poliziotto era stata somministrata una dose proveniente dallo stesso lotto (ABV2856) di cui l’Agenzia italiana del farmaco ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo su tutto il territorio nazionale.

L’inchiesta è stata aperta dopo le morti del sottufficiale Stefano Paternò e del carabiniere di Trapani Giuseppe Maniscalco: tutti e due erano infatti stati vaccinati con il siero AstraZeneca proveniente dal lotto ritirato. Le indagini sono state delegate dal procuratore Carmelo Zuccaro ai carabinieri del Nas di Catania. Sul caso si muove anche il ministero della Salute che invierà i suoi ispettori.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.