Sì ai medici nelle scuole. La proposta dell’Ordine

Per arginare l'ondata di contagi in pandemia, l'Ordine dei medici propone di ripristinare un presidio sanitario nelle scuole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:25
Medici di base
“Non capisco sinceramente la polemica degli infermieri, mi sfugge il senso, non vorrei che fosse di natura  elettorale. D’altronde hanno confermato quello che io avevo già
detto, cioè che medici e infermieri nelle scuole possono avere ognuno le proprie competenze“, spiega a Dire il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi. “Nessuno li ha sminuiti– ha proseguito- ho detto solo che le competenze del medico sono differenti da quelle degli infermieri. E che, insieme, le due professionalità possono lavorare in equipe offrendo una prestazione di qualità“.

Le competenze dei medici

Medici e infermieri, ribadisce Magi, hanno “ognuno le proprie competenze, tanto è vero che esiste una laurea in Medicina e una laurea in Scienze Infermieristiche. La laurea in Medicina permette di fare alcune cose. Quella in Scienze Infermieristiche delle altre. Io medico non posso (perché mi è impedito) fare quello che fa l’infermiere e viceversa”.
Secondo il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, medici e infermieri “lavorano semplicemente in equipe. Il medico da solo non può far nulla, così come l’infermiere da
solo non può far nulla”. Conclude quindi Magi: “È una polemica che veramente non capisco, a meno che gli infermieri abbiano frainteso le mie parole. Ma nessuno è ‘sopra’ o ‘sotto’ a
qualcuno, siamo tutti al servizio delle persone”. Un medico competente per ogni scuola, sostegno psicologico e test sierologici volontari per personale e insegnanti. Mentre per gli studenti saranno effettuati a campione e a cadenza periodica. Ecco le principali novità introdotte dalla bozza di protocollo elaborata dai ministeri dell’Istruzione e della Salute d’intesa con il Comitato tecnico scientifico e le parti sociali, un documento che comprende le linee guida da seguire in vista dell’apertura dell’anno scolastico, che avverrà “in presenza”, a scaglioni e per regioni, a partire dal 14 settembre.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.