Sindacalista muore durante lo sciopero della logistica a Biandrate

Adil Belakhdim, 37 anni, è stato investito e trascinato per diversi metri da un camion. Era coordinatore del sindacato Cobas di Novara

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32
La vittima, Adil Belakhdim

Un sindacalista di 37 anni è morto questa mattina investito da un camion nel corso di una manifestazione dei lavoratori nell’area logistica di Biandrate, a pochi chilometri da Novara. La vittima si chiamava Adil Belakhdim, era di origini marocchine ma cittadino italiano ed era il coordinatore del sindacato Cobas per Novara, ha fatto sapere Si Cobas.

Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, l’incidente sarebbe avvenuto davanti ai cancelli del deposito territoriale della catena di supermercati Lidl in via Guido il Grande: il mezzo pesante avrebbe investito l’uomo durante una manovra e poi si sarebbe allontanato senza prestare soccorso, forse dopo una lite.

Nello specifico, riporta la testimonianza di Si Cobas, l’autista avrebbe forzato il blocco della manifestazione, che stava per cominciare.

La lite con conducente del camion

Secondo quanto riferito all‘AGI da Attilio Fasulo, segretario generale della Cgil di Novara, che si trovava sul luogo della morte del sindacalista, “i lavoratori presenti mi hanno parlato di una discussione a seguito della volontà del camionista di forzare il presidio”.

Sempre secondo le testimonianze raccolte, il sindacalista sarebbe stato travolto e trascinato per una decina di metri, fino all’altezza del passaggio pedonale: per questo nei primi minuti si era immaginato che stesse attraversando la strada.

Inutili i soccorsi

Subito il sindacalista è stato soccorso dagli altri lavoratori e dal 118 ma per lui non c’è stato nulla da fare. La manifestazione era stata indetta dai Cobas di cui il giovane operaio era un attivista.

L’investitore, un uomo di origini campane, è stato rintracciato grazie alle immagini della videosorveglianza del magazzino e bloccato successivamente in un’area di servizio in autostrada dai carabinieri. Non è chiaro se si fosse accorto o meno dell’investimento. Le circostanze e la dinamica sono infatti tuttora al vaglio delle forze dell’ordine: sul posto sono intervenuti i Carabinieri della stazione di Biandrate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.