L’appello Save The Children per salvare i bambini dalla guerra in Yemen

Migliaia i minori che hanno perso la vita in Yemen tra il 2018 e il 2020, a causa della guerra iniziata il 25 marzo di sei anni fa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14

Negli ultimi tre anni, in Yemen, tra le vittime civili 1 su 4 era un bambino: 2.341 minori (il 22,85% del totale) che hanno perso la vita tra il 2018 e il 2020 a causa di un conflitto che, il 25 marzo, segna il suo sesto anniversario.

Una guerra infinita

Sono i dati diffusi oggi da Save the children, a 6 anni dall’inizio di un conflitto che sta diventando sempre più mortale per i bambini: se nel 2018 i minori rappresentavano una vittima su cinque tra i civili, nel 2019 e nel 2020 il rapporto è salito a 1 su 4.

Oggi in Yemen, la cui popolazione sta affrontando la più grande crisi umanitaria al mondo, 2 persone su 3 hanno urgente bisogno di aiuto per sopravvivere e i bambini continuano a morire a migliaia, oltre che per le bombe, per cause facilmente prevenibili. Attualmente, nel Paese, 11,3 milioni di bambine e bambini necessitano di assistenza umanitaria.

Uno scenario ulteriormente inasprito dalla carestia, aggravata dai tagli agli aiuti recentemente annunciati, dalle restrizioni di lunga data all’accesso umanitario fino al collasso economico, dagli attacchi alle infrastrutture civili come scuole e ospedali fino ai combattimenti in corso nelle aree densamente popolate.

Carestia e pandemia

“1,8 milioni di bambini sotto i 5 anni di età – spiega Save the Children – risultano attualmente malnutriti, tra i quali circa 400mila affetti da gravi forme di malnutrizione”. Nel Paese, inoltre, 2 milioni di bambini sono tagliati fuori dalla scuola.

“I bambini yemeniti vivono da sei anni un incubo orribile e senza fine – dice Xavier Joubert, direttore di Save the Children in Yemen -. Continuano a essere uccisi e feriti quasi quotidianamente. Vanno a letto affamati, vedono persone che muoiono di fame e non posso andare a scuola”.

“Ogni giorno i bambini rischiano di morire o di restare feriti se si avventurano fuori; sono vittime dei frequenti bombardamenti che prendono di mira luoghi nei quali dovrebbero sentirsi al sicuro, come case, scuole, ospedali e mercati. Tutte le parti in conflitto devono mettere in atto il prima possibile un completo cessate il fuoco, che deve servire come apripista per un impegno verso la pace e una soluzione politica a questa guerra: è l’unico modo per porre veramente fine a questa catastrofe umanitaria”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.