Scomparsa di Sara Pedri: licenziato l’ex primario di ginecologia di Trento

L'ex primario è stato licenziato per "elementi di criticità oggettiva" nella gestione dell'unità operativa di ginecologia di Trento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:52
Sara Pedri

L’ex primario del reparto di ginecologia del Santa Chiara di Trento, Saverio Tateo, è stato licenziato per “elementi di criticità oggettiva” nella gestione dell’unità operativa. A fare da detonatore la scomparsa di Sara Pedri, la ginecologa di 32 anni, dopo il trasferimento dall’ospedale di Trento a quello di Cles, da cui si era dimessa 24 ore prima della sparizione. Il caso ha portato alla luce le continue vessazioni dell’ex primario sugli assistenti.

La vicenda aveva portato il ministero della Salute a inviare a Trento gli ispettori e l’azienda sanitaria a scandagliare, attraverso una lunga serie di audizioni, il clima lavorativo all’interno del reparto.

La difesa annuncia ricorso

“Non ci sono fondamenti che giustifichino il licenziamento. Lo proveremo davanti al giudice del lavoro”. Lo dice il professor Vincenzo Ferrante, legale di Saverio Tateo.

Intanto, sul caso sta indagando anche la procura che ha iscritto nel registro degli indagati l’ormai ex primario e la sua vice, Liliana Mereu, trasferita in altra struttura fuori Regione, per presunti maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzione ai danni di 14 medici e operatori sanitari, tra cui la stessa Sara Pedri.

La scomparsa di Sandra Pedri

Sara era arrivata all’ospedale di Trento a novembre 2020, ma il forte stress e le costanti vessazioni da parte del primario Saverio Tateo e della sua vice, la dirigente Liliana Mereu, l’avrebbero spinta a dare le dimissioni a marzo. Subito dopo, però, è scomparsa. La sua auto venne ritrovata nei pressi del Ponte di Mostizzolo, vicino a Cles, una zona – scrive TgCom24 – tristemente nota per l’alto numero di persone che la sceglie per togliersi la vita. Di Sara, da quel pomeriggio, non si hanno più avuto tracce.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.