Santa Sofia, appello della Grecia a Francesco

Il presidente greco Katerina Sakellaropoulou ha contattato Papa Francesco, in occasione della decisione della leadership turca di trasformare Santa Sofia in una moschea

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:32

Santa Sofia, asse Roma-Atene. Il presidente greco Katerina Sakellaropoulou sostiene che la decisione turca danneggia “profondamente coloro che considerano questo simbolo superiore del cristianesimo come appartenente all’umanità e al patrimonio culturale mondiale e distoglie la Turchia dai valori dello stato secolare e dai principi di tolleranza e pluralismo”.

Allarme per Santa Sofia

Il presidente greco Katerina Sakellaropoulou ha contattato Papa Francesco, in occasione della decisione della leadership turca di trasformare Santa Sofia in una moschea. “Non è una questione interna della Turchia, ma una questione più ampia che deve essere esplicitamente e inequivocabilmente condannata dalla comunità internazionale“, afferma Katerina Sakellaropoulou.Turchia

Revoca

Il presidente greco ha  ringraziato il Papa “per le sue dichiarazioni di sostegno e gli ha chiesto, a sua volta, di usare tutta la sua influenza per sensibilizzare il pubblico internazionale, in modo che la leadership turca revochi la sua decisione e ripristini la Basilica di Santa Sofia, nello stato di un monumento protetto”. Il Papa, secondo quanto riporta la nota della presidenza greca, “ha concordato con le osservazioni” di Katerina Sakellaropoulou. E “ha riconosciuto i motivi politici della decisione” di Erdogan. Inoltre “ha promesso di continuare i suoi sforzi, come parte del suo ruolo, per rivedere la decisione”.

Accoglienza

Il Pontefice “ha anche elogiato gli sforzi” della Grecia “nell’accoglienza di rifugiati e immigrati, come ha avuto l’ opportunità di vedere durante la sua visita a Lesbo nel 2016″. Il presidente della Grecia ha ribadito l’invito a Francesco a visitare il Paese nel 2021, in occasione del 200° anniversario della rivoluzione greca. “Il Papa ha accettato l’invito, sperando che le condizioni consenta il viaggio“, conclude la nota.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.