Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56

La Capitale invasa dalla cocaina? I Carabinieri della Compagnia di Frascati, con il supporto dei militari dell’8° Reggimento “Lazio”, hanno arrestato 5 persone – tutte con accuse inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti – durante un'azione straordinaria di controllo del territorio avvenuta ieri in serata e protrattasi per diverse ore. Sentito da InTerris.it, il Capitano Jacopo Passaquieti, Comandante della Compagnia di Frascati, ha spiegato la scelta di indirizzare il gruppo di militari in due quartieri specifici – Tor Vergata e Tor Bella Monaca – attenzionati dalle forze dell'ordine per essere note piazze di spaccio, a partire da via dell’Archeologia. Quartieri già al centro di grossi blitz antidroga delle scorse settimane, con 14 arresti solo lo scorso gennaio. I vari panetti di droga sequestrati dai militari, tutti di cocaina purissima, hanno recato un grave danno economico ai pusher: solo all'acquisto, la coca vale sui 30-35 mila euro, mentre la vendita avrebbe portato a “profitti” ben maggiori. La cocaina, conclude il capitano, non passa mai di moda: è una delle sostanze stupefacenti più richieste e dunque più vendute.

Cocaina a go-go

Entrando nello specifico degli arresti, a Tor Vergata i militari hanno fatto scattare le manette ai polsi di un romano di 20 anni, proveniente da Rocca di Papa, sorpreso mentre stava cedendo alcune dosi di cocaina. Alla vista dei Carabinieri, c’è stato un fuggi-fuggi generale, con l’acquirente che è riuscito a far perdere le proprie tracce, mentre il pusher, nonostante abbia tentato di divincolarsi dalla presa dei militari sferrando calci e pugni, è stato bloccato. Durante la perquisizione, gli sono stati trovati addosso una dose di cocaina e 140 euro, ritenuti frutto dello spaccio. Trattenuto in caserma, è in attesa del rito direttissimo. Poco dopo, a Tor Bella Monaca, i Carabinieri hanno fermato un 21enne romano, incensurato, sorpreso all’atto del controllo, scattato in via dell’Archeologia, in possesso di 26 dosi di cocaina e 60 euro in contanti. Per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari. Sempre a Tor Bella Monaca, in via San Biagio Platani, i Carabineiri hanno arrestato un pusher sorpreso in azione. Si tratta di cittadino libico di 40 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, che è stato “pizzicato” mentre stava tentando di piazzare 16 dosi di cocaina. Nelle sue tasche, inoltre, i militari hanno scoperto il frutto della sua attività illecita, oltre 100 euro, che sono stati sequestrati. Trattenuto in caserma, rimane in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo. Notificato, inoltre, un ordine di esecuzione per la carcerazione nei confronti di un cittadino marocchino di 38 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, con il quale l’Autorità Giudiziaria ha prolungato la sua permanenza “forzata” in casa per altri 6 mesi e 25 giorni, essendo stato riconosciuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’ultima a finire in manette è stata una ragazza romana di 25 anni, incensurata, anche lei sorpresa nei pressi di via San Biagio Platani in possesso di altri 9 involucri di cocaina e la somma contante di 250 euro. La 25enne è finita agli arresti domiciliari.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.