Roma, incendio in appartamento: anziana morta carbonizzata

Le fiamme si sono sviluppate all'interno di una camera, dove seduta su una poltrona, vi era la donna trovata carbonizzata dai vigili del fuoco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13

Un’anziana è morta in seguito all’incendio del suo appartamento, situato al pianoterra di una palazzina di Roma. Precisamente, l’indicente è avvenuto ieri sera, in viale Ventimiglia, nella zona del Trullo. Le fiamme si sono sviluppate all’interno di una camera, dove seduta su una poltrona, vi era la donna, di 85 anni, trovata carbonizzata dai vigili del fuoco.

All’ora di cena – scrive La Stampa – i vicini dell’anziana si sono accorti che qualcosa non andava: c’era una forte puzza di bruciato e del fumo fuoriusciva dall’appartamento. I vicini hanno quindi allertato i vigili del fuoco che, una volta spento l’incendio, hanno ritrovato l’anziana morta carbonizzata nella sua stanza. La donna viveva col nipote, ma al momento dell’incendio era sola in casa.

L’ipotesi che le fiamme siano scaturite da una sigaretta

I pompieri hanno ritrovato l’anziana, che aveva problemi di deambulazione, sulla poltrona elettrica. Poi, durante il sopralluogo svolto con gli agenti di polizia del commissariato San Paolo, proprio nei pressi della poltrona hanno trovato un accendino e delle sigarette. La donna, secondo quanto ricostruito, era una fumatrice e gli investigatori non escludono che l’incendio possa essere partito proprio dalla sigaretta. Si segue, dunque, l’ipotesi dell’incidente.

L’incendio nel Prenestino

Sempre a Roma e sempre stanotte i vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere un incendio divampato in un capannone industriale nel Prenestino. Molti i danni ma, dicono i vvgg in un tweet e completamente distrutta la struttura, ma nessuna vittima. L’intervento dei vigili del fuoco con nove squadre ha evitato il coinvolgimento di attività commerciali vicine.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.