Risanare i piccoli comuni vale 2 miliardi di euro

Progetto per rigenerare le aree interne. Nei 5.552 piccoli comuni d'Italia si trova una casa vuota ogni due occupate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:50

L’obiettivo è “realizzare, nei borghi delle Alpi e degli Appennini, progetti per rigenerare spazi dove abitare, vivere, fare impresa, innovare.  Nei 5.552 piccoli comuni d’Italia si trova una casa vuota ogni due occupate. Solo il 15% di quelle disponibili ospiterebbero 300 mila abitanti. E le opere di adeguamento edilizie potrebbero valere 2 miliardi di euro nella rigenerazione e decine di migliaia di nuovi addetti”.

Comuni da rigenerare

E’ l’accordo siglato dal Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (Cnappc) e l’Unione nazionale comuni comunità enti montani (Uncem). E’ necessario e urgente definire un nuovo piano per agevolare investimenti e interventi di recupero, per riabitare borghi e centri storici. Come anche previsto dalla legge 157 del 2017 sui piccoli comuni. L’intesa  punta “alla promozione e allo sviluppo dei territori montani”. Anche attraverso un migliore utilizzo dei fondi europei, regionali e nazionali disponibili. Volti alla rigenerazione dei processi di sviluppo locale. Con nuovi strumenti di pianificazione urbanistica, progettazione architettonica, E ripensamento degli spazi pubblici e privati nei borghi e nei villaggi alpini e appenninici.

Opportunità

Un’azione congiunta, quindi, per rappresentare gli interessi degli enti locali della montagna. Nei rapporti con governo, Parlamento, Stato e Regioni. L’impegno è mirato a costruire opportunità di sviluppo per rendere più smart e green i territori rurali, montani e interni italiani. Sostenendo la realizzazione di reti infrastrutturali, anche digitali. E promuovere una politica per la montagna che inserisca le popolazioni montane nel più ampio processo di sviluppo. Perseguito ad ogni livello istituzionale e attuato secondo criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.