Ricercato per omicidio in Brasile arrestato in Italia: era in vacanza

Nell'agosto 2007 avrebbe ucciso la moglie, soffocandola e poi affogandola nel fiume Igarape Preto, nello Stato brasiliano del Rio Grande

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

“Fatale” la vacanza in Italia di un ricercato internazionale. L’uomo, un 40enne brasiliano accusato dell’omicidio della moglie, è stato scoperto in un albergo di Reggio Emilia e arrestato ieri sera dai carabinieri.

Il femminicidio del 2007

Il presunto omicida era fuggito dal Paese sudamericano dove nell’agosto 2007 avrebbe ammazzato la moglie, soffocandola e poi affogandola nel fiume Igarape Preto, nello Stato brasiliano del Rio Grande.

Stando alle investigazioni della polizia, il movente sarebbe stato per intascarsi il premio dell’assicurazione sulla vita stipulato dalla donna, tant’è che il marito era stato trovato in possesso di 190.000 Real e stava per ritirare l’assicurazione di 800.000 Real. Nei suoi confronti era stato spiccato un ordine di cattura internazionale emesso dall’autorità giudiziaria di Cruzeiro do Sul.

Vacanze italiane

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, il latitante si era rifugiato in Germania. In questi giorni era in Italia per motivi turistici: ieri è stato rintracciato dai militari reggiani della sezione radiomobile in un hotel della città emiliana dove si trovava con la nuova compagna e i figli.

Una volta identificato grazie alla collaborazione a distanza con il dipartimento della pubblica sicurezza della direzione centrale della polizia criminale nonché servizio di cooperazione internazionale quinta divisione “Sirene”, è scattato il provvedimento di arresto con custodia in carcere in attesa dell’ok per l’estradizione. Dopo la vacanza al caldo, è finito al fresco!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.