Regionali, il fattore Conte nell’urna

La sfida per le Regionali nella regione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07
Il ruolo di Conte. Sostiene il governatore della Puglia, Michele Emiliano in corsa per la rielezione alle Regionali sul dialogo tra Partito democratico e Forza Italia? “Aprire questo fronte è destabilizzante. Noi dem siamo l’alternativa ai forzisti”.

 Conte

“In Puglia, nella regione del premier Conte, l’appello per l’unità giallorossa va preso più che mai sul serio. L’intesa nazionale Pd-5Stelle non può essere provvisoria. Non tradiamo Conte“, afferma a Repubblica Michele Emiliano, il governatore uscente e ricandidato della Puglia, che nell’ultimo sondaggio Euromedia Research, stacca in affidabilità di 10 punti l’avversario Raffaele Fitto e di due punti la coalizione di centrodestra, nonostante un centrosinistra diviso perché i renziani corrono da soli. L’ex magistrato si augura di trovare un’intesa con i grillini, “perché la comunità dei 5S pugliesi può incarnare questo progetto. L’invito del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ci chiede di mettere da parte le antiche divergenze, non può restare lettera morta”. E “non si tratta di convenienza elettorale. Il centrosinistra potrebbe vincere lo stesso le elezioni e i grillini avere un loro discreto risultato. Ma in ballo c’è un progetto politico che è quello di allearsi nella regione del presidente del Consiglio, dove c’è un Pd molto innovativo e direi ‘sovversivo‘ rispetto al Nazareno. Quindi questo è il terreno di coltura giusto per un accordo alle regionali”.
Bandiera italiana a mezz’asta in segno di lutto

Accordo

Il ruolo di Conte, quindi. “Ci sono due mesi per trovare un accordo con i 5Stelle – evidenzia Emiliano – Non mi rassegno a un ipotetico tempo scaduto. Se ci confrontiamo sui contenuti, il tempo c’è. La mia coalizione è aperta ai 5Stelle prima e dopo le elezioni. Insieme noi Dem e i 5Stelle potremmo spingere verso una nuova capacità di gestire le politiche economiche, a partire dalla scommessa ambientale”. Ivan Scalfarotto, il renziano che è sceso in campo per sfidarlo, non preoccupa il governatore: “non ha alcuna chance, è solo un elemento di spaccatura nel centrosinistra e questo mi addolora. La separazione con il Pd provocata dai renziani sarà difficile da recuperare in futuro. Per questo chiedo ancora: ragionate. Non sono il populista demagogo che i renziani mi accusano di essere, ma certo non sono un signorsì”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.