“Putin è un dittatore”: il primo discorso sullo stato dell’Unione di Biden

Il Presidente Usa Joe Biden ha iniziato il suo primo discorso ufficiale sullo stato dell'Unione al Congresso rendendo omaggio al coraggio del popolo ucraino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31

“Sei giorni fa Vladimir Putin ha tentato di scuotere le fondamenta del mondo libero pensando che avrebbe potuto piegarlo alle sue minacce ma ha calcolato male. Pensava che avrebbe potuto entrare in Ucraina e che il mondo si sarebbe arreso, invece ha trovato un muro di resistenza che non ha mai immaginato, ha trovato il popolo ucraino”. Mentre Kiev era sotto le bombe, durante la settima notte di attacchi aerei, il Presidente Usa Joe Biden ha iniziato così il suo primo discorso ufficiale sullo stato dell’Unione al Congresso, rendendo omaggio al coraggio del popolo ucraino con molte deputate vestite con i colori giallo-blu della bandiera ucraina.

Lunga standing ovation alla presenza dell’ambasciatrice di Kiev Oksana Markarova, ospite d’onore del presidente. Un discorso nel quale ha cercato di riunire il Paese intorno al conflitto ma – ripercorre TgCom – anche intorno alla sua agenda in parte ancora in stallo, promettendo di combattere l’inflazione con un aumento della produzione made in Usa.

“La libertà prevarrà sulla tirannia”

Il cuore del suo intervento però è stato incentrato sull’attacco a Putin, “un dittatore russo” che ha “seminato violenza e caos”, “ora più isolato che mai” e che deve pagare il prezzo delle sue azioni perché “la libertà trionfa sempre sulla tirannia. Può circondare Kiev con i tank ma non avrà mai i cuori e l’anima del popolo ucraino”, ha sottolineato.

Chiuso lo spazio aereo Usa ai voli russi

Il commander in chief ha anche annunciato una nuova misura, la chiusura dello spazio aereo americano ai voli russi, come hanno già fatto Ue e Canada. “Attraverso la nostra storia abbiamo imparato la lezione che quando i dittatori non pagano un prezzo per la loro aggressione causano più caos, continuano a muoversi. E i costi e le minacce all’America e al mondo continuano a salire”, ha spiegato, definendo quello all’Ucraina un “attacco premeditato e non provocato”.

“Putin pensava che l’Occidente e la Nato non avrebbero risposto”

“Pensava che l’Occidente e la Nato non avrebbero risposto, che avrebbe potuto dividerci a casa. Putin ha sbagliato, noi eravamo pronti”, ha proseguito, ricordando i suoi sforzi personali per costruire “una coalizione di nazioni che amano la libertà dall’Europa (citata anche l’Italia) alle Americhe, dall’Asia all’Africa per fermare Putin”. In una “battaglia tra democrazie e autocrazie nella quale le democrazie sono state all’altezza della sfida”.

“Sequestreremo yacht, ville e jet privati agli oligarchi russi”

Quindi ha ricordato le sanzioni che colpiranno duramente l’economia russa, compresi gli oligarchi, cui ha promesso di sequestrare yacht, ville e jet privati, e si è impegnato di continuare ad aiutare l’Ucraina. Come pure di “difendere ogni centimetro del territorio Nato”, rafforzando il fianco orientale “nel caso Putin decidesse di continuare a muoversi verso ovest”.

Gli altri temi del presidente: inflazione, pandemia e armi

L’altra metà del suo discorso Biden l’ha dedicata ai fronti interni, nella speranza di risalire nei sondaggi (è ai minimi storici, sotto il 40%) e di dare una spinta ai dem in vista delle elezioni di Midterm: dai “progressi” nella pandemia che consentono di “tornare a routine più normali” alla necessità di varare anche gli altri capitoli della sua agenda, come clima e welfare, dopo il successo del piano per le infrastrutture. Il presidente ha promesso anche di avere un piano per combattere l’inflazione, vero tallone d’Achille del suo primo anno alla Casa Banca: non abbassando i salari ma producendo di più in Usa, dalle auto ai semiconduttori. Il presidente ha evocato infine altri temi scottanti, dalla tutela dei minori sulle piattaforme social a quella dell’aborto, sino alla necessità di leggi più restrittive contro le armi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.