Pulmino sui binari: è morto anche l’altro ragazzo ferito

È morto l'altro ragazzo diciottenne rimasto gravemente ferito nell'incidente in cui ieri nel Parmense aveva perso la vita un coetaneo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49
Il pulmino coinvolto nell'incidente mortale

È morto l’altro ragazzo diciottenne rimasto gravemente ferito nell’incidente in cui ieri nel Parmense aveva perso la vita un coetaneo. Entrambi erano persone disabili, si trovavano a bordo del pulmino che li riportava a casa dopo le lezioni a scuola. Lo riporta la Gazzetta di Parma. Il mezzo era finito ieri pomeriggio sui binari della linea ferroviaria Piacenza-Bologna, poi colpito da un treno in transito.

Un 18enne era morto sul colpo, l’altro era invece rimasto ferito in modo grave. Non ce l’ha fatta. Ferite ma meno gravi le altre due persone che erano a bordo: una assistente 40enne e il conducente 54enne.

Le due vittime dell’incidente di ieri frequentavano le scuole superiori a Fidenza, centro della provincia di Parma, e stavano facendo ritorno a casa con un pulmino della cooperativa Emc2 – scrive Ansa – che si occupa del servizio di trasporto per persone disabili.

La dinamica dell’incidente mortale

Ieri intorno alle 13 il mezzo, guidato da un 54enne dipendente della cooperativa, imboccata una curva a ridosso della linea ferroviaria, ha proseguito la sua corsa in avanti senza svoltare, infilandosi fra due pali in calcestruzzo piombando sulla massicciata. Proprio in quel momento stava sopraggiungendo un treno regionale passeggeri che ha travolto la vettura sbalzandola prima contro un altro convoglio merci che transitava sul binario opposto e poi a lato dei binari. La prima vittima è rimasta uccisa sul colpo, l’altro ragazzo invece è morto oggi in ospedale. Ferite lievi e dimissione nella notte dal Pronto Soccorso di Parma per l’autista e l’assistente di bordo, una donna di 40 anni. Su quanto successo proseguono le indagini da parte della Polizia Stradale di Parma.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.