Protesta dei ristoratori in A1: manifestante investito da un’auto a Incisa

I ristoratori di Tutela Nazionale Imprese Italia (TNI) hanno bloccato per protesta il casello di Incisa (sulla A1) paralizzando il traffico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43
La protesta sulla A1, all'altezza di Incisa

Investimento in diretta Facebook questa mattina sulla A1. Questa mattina, i ristoratori di Tutela Nazionale Imprese Italia (TNI) hanno bloccato il casello di Incisa (FI) della A1 in entrambe le direzioni paralizzando il traffico. “Ci sono imprenditori – ha spiegato il presidente di Tni, Pasquale Naccari -, gente stanca di subire, che vorrebbe riaprire e tornare a lavorare, rispettando i protocolli di autogrill e mense. Vorrebbero lavorare, e non all’esterno col freddo“.

“Non ne possiamo veramente più – ha detto un altro ristoratore, Ermes Ferrari, su La Stampa – dovete farci riaprire, perché veramente questo è un disegno criminale per far saltare la spina dorsale delle partite Iva italiane. Non è vero che siamo evasori, perché noi siamo la dorsale dell’Italia”.

L’investimento di uno dei manifestanti

Uno de manifestanti che stava partecipando alla protesta Di Tni in diretta Fb è stato investito accidentalmente da un’auto, fortunatamente senza riportare gravi conseguenze.

L’uomo, a quanto si vede nel video diffuso da Tni e visibile qui sotto, era tra i manifestanti che si erano messi davanti all’auto per non farla passare ma la vettura ha tirato dritto urtandolo per poi allontanarsi: il manifestante, cadendo, si sarebbe fatto male a una spalla. Si tratterebbe di un ristoratore emiliano di cui non è stato diffuso il nome. Dopo l’incidente il presidente di Tni Italia, Pasquale Naccari, ha interrotto la diretta Fb dal luogo del blocco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.