Piantagione di Marijuana a Villasor: guarda il video dell’operazione dei Carabinieri

Ecco quante piante sono state trovate. Tre persone arrestate. La piantagione di marijuana è stata sequestrata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:51

Sono tre le persone che sono finite in manette in seguito a un’operazione dei militari dell’Arma di Villasor e del NORM della Compagnia di Sanluri, unitamente a personale specializzato del NIPAAF CC Cagliari (Forestale Carabinieri), con conseguente intervento ed accertamenti tecnici urgenti ad opera del RIS CC Cagliari, che in località “Beccia de Casteddu” hanno scoperto e sequestrato una piantagione di marijuana.

Le dichiarazioni dei Carabinieri di Cagliari

Raggiunti telefonicamente. i Carabinieri di Cagliari hanno dichiarato ad Interris.it che questo è il periodo in cui la cannanis matura. In Sardegna ne viene coltivata molta e, dopo essere stata essiccata e confezionata sottovuoto, generalmente viene esportata anche nel resto d’Italia e in Europa. Grande è l’impegno dei militari dell’Arma per trovare e sequestrare le piantagioni di marijuana: sono stati messi in campo anche dei droni per controllare il territorio dall’alto ed individuare più facilmente queste piantagioni.

L’operazione

I militari stavano operando nell’ambito di un’attività antidroga volta anche alla ricerca di piantagioni di marijuana in aree extraurbane. L’operazione ha avuto luogo a Villasor, nel sud della Sardegna, e ha portato alla scoperta di 5.300 piante di marijuana dell’altezza media di circa 1 metro e mezzo l’una, allineate in n. 115 filari e perfettamente irrigate con sistema centralizzato. Dai campionamenti sulla sostanza eseguiti con test speditivi da parte personale citato NIPAAF si è ottenuto riscontro POSITIVO alla presenza di principio attivo superiore ai valori consentiti. Le ulteriori analisi chimiche specifiche e più approfondite, prontamente svolte dal RIS CC Cagliari, hanno stabilito trattarsi di infiorescenze vegetali di CANNABIS INDICA, con valore del THC (tetraidrocannabinolo) oltre il 4 %, rispetto alla soglia consentita dalla normativa vigente per le c.d. coltivazioni lecite (0.6 %).

Sono stati inoltri rinvenuti prodotti/fertilizzanti/pannelli solari/taniche/irrigatori/attrezzature varie per la coltivazione. Tutto il materiale e la piantagione sono stati posti sotto sequestro e piantonati con servizi gestiti dalla Compagnia di Sanluri, come richiesto dall’AG in attesa eventuali ulteriori accertamenti tecnici.

I tre arrestati, sorpresi su un fondo agricolo di circa 25000 (venticinquemila) metri quadrati (due ettari e mezzo), sito in zona remota e da loro coltivato, al termine della redazione degli atti, sono stati portati nel carcere di Uta (CA) come disposto dalla Procura della Repubblica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.