Pechino, doppietta italiana nella discesa olimpica: Goggia argento, Delago bronzo

Goggia: "Ho dato tutto quello che ho potuto". Con queste due medaglie, l’Italia arriva a quota 13 complessive: 2 ori, 6 argenti e 5 bronzi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:35

Doppietta italiana nella discesa olimpica femminile alle Olimpiadi invernali di Pechino: Sofia Goggia vince l’argento, Nadia Delago il bronzo. L’oro è andato alla svizzera Corinne Suter che ha chiuso con il tempo di 1’31”87, subito dietro la bergamasca con 1’32”03, gradino più basso del podio per la 24enne altoatesina con 1’32”44.

Fino alla discesa della svizzera, l’Italia occupava le prime tre posizioni con Goggia, Delago ed Elena Curtoni, scesa per prima e alla fine quinta con 1’32”87. Undicesima l’altra italiana in gara, Nicol Delago, che ha chiuso con il tempo di 1’33”69.

Dall’infortunio all’argento

Nonostante l’argento, questa è stata la gara di Sofia Goggia. Solo il 23 gennaio scorso, nell’incidente a Cortina, per Sofia il sogno olimpico sembrava finito per era stata una lesione parziale al legamento crociato sinistro e una piccola frattura al perone. In poco più di tre settimane l’incidente si è trasformato in argento olimpico.

Con queste due medaglie, l’Italia arriva a quota 13 complessive: 2 ori, 6 argenti e 5 bronzi.

Goggia: “Ho dato tutto quello che ho potuto”

Ho dato tutto quello che ho potuto. Alla fine sono felice del mio risultato perché essere qui alle Olimpiadi dopo la mia caduta a Cortina non era affatto sicuro”. Sono le prime parole di Sofia Goggia, dopo l’argento nella discesa olimpica, riportate da L’Eco di Bergamo.

“È sempre una medaglia, una grande medaglia, una medaglia incredibile considerando le condizioni degli ultimi 20 giorni – racconta -. Ho sempre detto a me stessa che se fossi riuscita a superare la prova che ero stata chiamata ad affrontare dopo Cortina, probabilmente la gara in se sarebbe stata la parte più facile. Ho trovato una forza incredibile dentro di me, sono felice di aver dato tutto oggi e di essere riuscita a ottenere un’altra medaglia. Se qualche giorno fa mi avessero detto che avrei fatto argento, avrei firmato. Ho fatto una bellissima gara, sentivo bene tutte le sensazioni nei miei piedi, i piani non sono il mio ‘fortissimo’ ma sono contenta”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.