Papa: “La vita va sempre difesa e protetta”

Secondo Francesco "ci troviamo di fronte a nuove minacce e a nuove schiavitù" e a volte"le legislazioni non sono a tutela dei più deboli e vulnerabili"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:21

“Gli uomini e le donne di preghiera custodiscono le verità basilari: ripetono a tutti che questa vita, nonostante tutte le sue fatiche, le sue prove e i suoi giorni difficili, è colma di una grazia per cui meravigliarsi. E in quanto tale va sempre difesa e protetta”, ribadisce papa Francesco in un tweet. La tutela della sacralità della vita dal concepimento al suo termine naturale è fondamento del pontificato di Jorge Mario Bergoglio.

Foto © Vatican Media

In carne e ossa

“La vita si manifesta in concreto, nelle persone”, ha affermato il Pontefice in occasione del 25° anniversario dell’Evangelium vitae di Giovanni Paolo II. “La vita che siamo chiamati a promuovere e a difendere non è un concetto astratto, ma si manifesta sempre in una persona in carne e ossa”, sottolinea Francesco: “Un bambino appena concepito, un povero emarginato, un malato solo e scoraggiato o in stato terminale, uno che ha perso il lavoro o non riesce a trovarlo, un migrante rifiutato o ghettizzato”.

Epoca

Per il Papa  “ogni essere umano è chiamato da Dio a godere della pienezza della vita ed essendo affidato alla premura materna della Chiesa, ogni minaccia alla dignità e alla vita umana non può non ripercuotersi nel cuore di essa, nelle sue viscere materne”. Quindi, evidenzia Jorge Mario Bergoglio, “la difesa della vita per la Chiesa non è una ideologia, è una realtà: una realtà umana, che coinvolge tutti i cristiani, perché umani. Non è una ideologia”. E “gli attentati alla dignità e alla vita delle persone continuano purtroppo anche in questa nostra epoca, che è l’epoca dei diritti umani universali, anzi, ci troviamo di fronte a nuove minacce e a nuove schiavitù, e non sempre le legislazioni sono a tutela della vita umana più debole e vulnerabile”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.