Oms Europa: superati i 60 milioni di contagi da Covid – 19 nell’Unione Europea

In data odierna, durante la presentazione di un report sui nuovi contagi da Covid - 19, Oms Europa ha sottolineato la necessità ad agire sinergicamente da parte degli Stati Europei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29

In data odierna l’Ufficio Regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’Europa, attraverso la pubblicazione di un apposito studio, ha sancito che il numero di casi di Covid – 19 ha raggiunto la cifra di 60 milioni di casi all’interno dei territori dell’Unione Europea. Tanto premesso, alla luce del dato precedentemente esemplificato, è doveroso ricordare che, con l’incidere della cosiddetta Variante Delta, i dati globali dei nuovi contagi si aggirano intorno ai 197 milioni di casi con 4,2 milioni di decessi confermati per tale patologia.

La necessità di attuare uno sforzo sinergico

Alla luce di quanto precedentemente detto la Direttrice Regionale per le Emergenze dell’OMS Europa, Dott.ssa Dorit Nitzan, ha sottolineato la notevole importanza del fatto che i diversi paesi continuino ad attuare sforzi congiunti con l’obiettivo di preservare la popolazione più vulnerabile e le fasce a rischio attraverso la diffusione della vaccinazione tra i gruppi di popolazione prioritaria quali ad esempio gli over 60, le persone che vivono in strutture di assistenza a lungo degenza e gli operatori sanitari. Successivamente, a margine della pubblicazione di questi importanti dati, il distaccamento europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha invitato a seguire le misure sanitarie sociali propedeutiche al contenimento della pandemia, quali ad esempio: l’uso dei dispositivi di protezione individuale, il lavaggio delle mani ed il distanziamento fisico nei luoghi ad alta densità di affollamento.

La regola delle 3 W

In ultima istanza è stato ricordato ai vacanzieri che stanno per mettersi in viaggio eseguire la regola delle 3 W, ossia: wear a mask, wash your hand and watch your distance.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.