Oggi l’Italia raggiunge quota 1786 contagi. 108.019 i tamponi effettuati.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30
Fonte: Ministero della Salute

Oggi, in Italia, il numero dei contagi registrati è pari a 1786. Gli attualmente positivi sono 46.780. Il numero delle vittime  è in totale 35.781. I casi totali sono 304.323. Il totale dei dimessi guariti è 221.762.  I ricoverati in terapia intensiva sono 246.  Le persone in isolamento domiciliare sono 43.803. I pazienti ricoverati con sintomi ammontano a 2.731. Il totale dei casi testati è pari a 6.520.661. I tamponi effettuati oggi sono 103.696, per un totale di 10.787.694.

La situazione regionale

La regione in testa alla classifica per maggior numero di positivi registrati è il Veneto con 248. Seguono il Lazio con 230 e la Lombardia con 229 positivi. 195 sono le persone positive in Campania. Nelle note del Bollettino del Ministero della Salute emerge che la Sicilia comunica che dei 125 nuovi casi positivi di oggi, 2 sono migranti presso l’ Hotspot di Lampedusa. Mentre la Calabria comunica che dei 9 casi di oggi, 3 sono migranti.

Obbligo mascherina all’aperto In Campania

Da oggi è stato disposto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto in Campania. Al termine della riunione dell‘Unità di Crisi, Vincenzo De Luca, il presidente della Regione Campania, ha firmato l’ordinanza relativa ad ulteriori misure per la prevenzione e la sicurezza. Ha valenza su tutto il territorio regionale, con decorrenza dal 24 settembre 2020 al 4 ottobre 2020, “fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza della rilevazione quotidiana dei dati epidemiologici della regione”. È disposto l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto.

De Luca ha dichiarato: “Occorre ripristinare immediatamente comportamenti responsabili, a maggior ragione con l’apertura delle scuole. Se vogliamo evitare chiusure generalizzate è necessario il massimo rigore”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.