‘Ndrangheta: sarà il Brasile (e non l’Uruguay) ad estradare il boss Morabito

L'Uruguay non chiederà l'estradizione di Morabito per non ostacolare quella verso l'Italia, dove ha commesso i crimini più gravi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29
L'arresto di Morabito (Fonte: Rai News)

Il narcotrafficante e latitante Rocco Morabito – uno dei principali capi della ‘Ndrangheta – sarà estradato in Italia direttamente dal Brasile: lo hanno detto ieri sera le autorità dell’Uruguay, dove il boss di ‘ndrangheta era evaso due anni fa.

In conferenza stampa, il procuratore Jorge Diaz ha spiegato che il piano uruguaiano era originariamente di far espellere Morabito dalle autorità brasiliane in Uruguay, da dove sarebbe stato poi estradato in Italia, dal momento che il processo di estradizione era già davanti alla Corte suprema e sarebbe stato rapido.

Rocco Morabito dopo l’arresto del 2017 a Montevideo, in Uruguay (Fonte: ANSA/POLIZIA)

L’Uruguay non chiederà l’estradizione

“Ma nel momento in cui arriva un nuovo mandato di cattura internazionale dall’Italia, approvato dalla Corte suprema federale del Brasile, la polizia federale brasiliana non può più ordinare l’espulsione e l’estradizione deve essere eseguita”, ha spiegato Diaz. Pertanto, “l’Uruguay non chiederà l’estradizione per non ostacolare il processo di estradizione in Italia, dove ha commesso i crimini più gravi“, ha detto.

Morabito era evaso dal carcere di Montevideo nel 2019Dopo l’evasione in Uruguay, sul suo capo pendeva un mandato di cattura emesso dal Supremo tribunale federale (Stf).

L’arresto di Morabito e Vincenzo Pasquino

Rocco Morabito è stato arrestato a João Pessoa, nel nordest del Brasile, lo scorso 25 maggio. Con lui, in un albergo della cittadina carioca, è stato arrestato anche il narcotrafficante Vincenzo Pasquino, 35 anni; era latitante almeno dal 2019.

Pasquino e Morabito, rispettivamente di Torino e di Reggio Calabria, erano inseriti tra i latitanti di massima pericolosità facenti parte del “programma speciale di ricerca” e nell’elenco dei latitanti pericolosi stilato dal ministero dell’Interno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.