Nations League, l’Italia brilla: Jorginho e Berardi stendono la Polonia

Gli Azzurri, in piena emergenza, sfoderano una prestazione da grandissima squadra. Un gol per tempo e nuovamente in testa al girone. Con la Bosnia ci si gioca la qualificazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:36

Vincere non era importante, ma l’unica cosa che contava per l’Italia chiamata a fare tre punti contro la Polonia per riprendersi il primato nel girone di Nations League. E vittoria è stata, 2-0 (gol di Jorginho su rigore e Berardi), ma che non dice appieno dello strapotere della nostra Nazionale.

Italia e Polonia, gli schieramenti

Evani, che anche stasera sostituisce in panchina Roberto Mancini vittima del Covid, deve fare a meno di pezzi importanti, tra infortuni e Covid. Oltre al ct e Immobile, restano fuori Chiesa, Bonucci, Biraghi, Castrovilli, Gagliardini (Romagnoli solo in panchina). Solito 4-3-3 con Donnarumma tra i pali, Florenzi ed Emerson sugli esterni, Acerbi e Bastoni (preferito a Di Lorenzo) centrali per una inedita coppia difensiva. In mezzo confermati i tre previsti alla vigilia, ovvero Locatelli, Jorginho, Barella, mentre davanti Bernardeschi la spunta su Berardi e va a formare il tridente offensivo con Belotti e Insigne. Brzeczek, ct polacco, si affida a Robert Lewandowski unica punta nel suo 4-2-3-1. Alle spalle del campione d’Europa con il Bayern, occhio al granata Linetty. Dietro comanda la difesa lo juventino Szczesny, con Glik centrale insieme a Bednarek, Bereszynski e Reca gli esterni. Solo panchina per Milik, Zielinski e Piatek.

Azzurri avanti

L’Italia crea, e pure tanto, ma non concretizza. Ci prova Belotti, alto, poi Insigne si inserisce coi tempi giusti e la mette alle spalle di Szczesny, ma gol annullato per posizione irregolare di Belotti. In mezzo ci poteva scappare il rosso per Lewandowski che smanaccia in maniera palese Bastoni. Il fallo c’era tutto, come il nervosismo di Lewa. L’Italia spinge e il vantaggio arriva su una percussione di Belotti che in area viene steso da Krychowiak e Turpin non ha dubbi. Rigore che Jorginho trasforma con freddezza, spiazzando Szczesny: 1-0. L’Italia spinge e meriterebbe il raddoppio. Pennellata al bacio di Insigne su punizione, palla nello spazio per Belotti che di sinistro spedisce però in curva. Che occasione per il Gallo. Ancora Insigne, in mezzo per la testa di Acerbi che costringe Szczesny in angolo. E’ un’Italia bellissima che va al riposo col minimo vantaggio. Poco, troppo poco per il dominio azzurro.

Tappa a Sarajevo

Stessa musica nella ripresa dove l’Italia crea ma non concretizza e per chiuderla deve aspettare il tramonto del match quando Berardi, appena subentrato a Bernardeschi la mette alle spalle del portiere polacco dopo l’ennesima magia di Insigne. E finisce con la vittoria dell’Italia che riprende la testa del girone e mercoledì a Sarajevo contro la Bosnia può chiudere il conto con la qualificazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.