Movida violenta, ultrà 21enne arrestato a Milano per un accoltellamento

Attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza e le testimonianze delle persone che hanno assistito alla rissa, è finito nel carcere di San Vittore il presunto aggressore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48

Il 21enne  è stato riconosciuto grazie alle telecamere che hanno inquadrato buona parte della rissa, scoppiata alle 2 e mezza del 6 giugno  tra i tavolini all’aperto in corso Garibaldi, una delle strade della “movida” milanese, e grazie ai testimoni che hanno parlato di “ultras”.  Attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza e le testimonianze delle persone che hanno assistito sabato mattina all’aggressione, è finito nel carcere di San Vittore il figlio 21enne di un capo dei tifosi dell’Inter.

Coltello a serramanico

Una volta inquadrata la presenza di ultras il suo volto, noto, non è sfuggito agli investigatori della compagnia Duomo, che si sono recati in via Padova, perquisendo la sua abitazione e una vettura a lui in uso.  E’ stato arrestato il presunto aggressore del 24enne accoltellato nella notte tra il 5 e il 6 giugno, durante una rissa in piano centro, a Milano. Si tratta di un 21enne milanese, figlio del leader storico degli ultras nerazzurri, Franco Caravita. A individuarlo sono stati i carabinieri, che nel corso di una perquisizione hanno anche sequestrato un coltello a serramanico che potrebbe essere stato utilizzato durante l’accoltellamento. Il ragazzo ferito al torace si trova ricoverato in gravi condizioni all’ospedale, mentre un suo amico è stato ferito alla testa. Il ragazzo accusato di tentato omicidio aggravato, lesioni personali aggravate e porto di oggetti atti a offendere) si trova nel carcere milanese di San Vittore, in attesa delle disposizioni dell’autorità giudiziaria. Sono stati sequestrati anche gli indumenti sporchi di sangue che sarebbero stati utilizzati durante l’aggressione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.