É morto Winston Groom: il papà di “Forrest Gump”

Il sindaco di Fairhope, la città natale dell'autore: “Siamo estremamente tristi di apprendere la notizia. Era sicuramente un’icona qui tra noi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06

Questa notte all’età di 77 anni è morto Winston Groom, il papà di ‘Forrest Gump’. Lo riporta la Cnn citando Karin Wilson, sindaco di Fairhope, la città natale di Groom in Alabama.

Dal suo celebre romanzo è stato tratto un ancora più celebre e amato film, con protagonista Tom Hanks. Il sindaco di Fairhope, Karin Wilson, ha riferito ai media di non avere ulteriori informazioni in merito al suo decesso, le cui cause rimangono tuttora sconosciute. “Siamo estremamente tristi di apprendere la notizia. Era sicuramente un’icona qui tra noi”.

La trama del suo celebre film

Forrest Gump è un ragazzo dal basso coefficiente di intelligenza. Tutti lo escludono o maltrattano e poi ha una malformazione alle gambe. Ma quando si libera dei sostegni meccanici diventa un corridore, poi un campione di baseball. Prima ha incontrato Elvis e, muovendosi maldestramente, gli ha ispirato certi passi. Forrest, in attesa alla fermata di Savannah, racconta la sua storia a coloro che uno dopo l’altro si siedono vicino a lui in attesa dell’autobus.

I premi di Groom

Il film ottenne un successo incredibile incassando quasi 678 milioni di dollari nel 1994. Quell’anno, il film ispirato al romanzo di Winston Groom fu secondo solo a Il re leone della Disney.

Agli Oscar del 1995 ottenne ben 6 statuette in 13 delle categorie in cui era nominato: Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista, Miglior sceneggiatura non originale, Miglior montaggio e Migliori effetti speciali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.