Minorenne violentata dai compagni classe: arrestato un 15enne a Reggio Emilia

Un 15enne di Reggio Emilia è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una coetanea. Indagati altri due minorenni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03
donne
foto Daniele Buffa/Image

Un 15enne di Reggio Emilia è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una coetanea. Indagati anche altri due minorenni che, secondo la procura, hanno avuto rapporti con la ragazza. Il 15enne si trova ai domiciliari. I fatti sarebbero accaduti durante un festino a base di bevande alcoliche tenutosi in un giorno di sciopero della scuola.

L’arresto del 15enne, incensurato, convalidato dal gup del tribunale dei minori che ha poi accolto la richiesta dei domiciliari presentata dall’avvocato difensore, è scattato anche perché all’arrivo dei carabinieri nell’appartamento lui era scappato, lasciando la porta aperta. Il giudice ha quindi ravvisato il pericolo di fuga e ha disposto il provvedimento.

Festino a base di alcool

E’ venerdì 28 gennaio, ricostruisce TgCom24, quando cinque compagni di classe, tre ragazzi e due ragazze, decidono di comprare bevande alcoliche e andare nell’appartamento dei genitori di uno di loro (nello specifico: dell’arrestato) per un festino. Una delle ragazze, che deve ancora essere interrogata, torna a casa nel pomeriggio mentre l’altra resta da sola con i tre adolescenti che, secondo le ricostruzioni, abusano di lei. La ragazza, sotto shock, chiama la sorella nel pomeriggio per dare l’allarme e denunciare le violenze.

Uno dei tre ragazzi deve ancora essere identificato e ascoltato dagli inquirenti. Un altro, uno degli indagati, ha invece reso dichiarazioni spontanee in caserma ammettendo di aver avuto un rapporto sessuale con la ragazza. L’arrestato sostiene invece spiega l’avvocato, “che il rapporto sia stato consenziente”.

Pm: “Incapace di esprimere un valido consenso”

La pm Alessandra Serra della Procura dei minori ritiene invece che la violenza sessuale sia stata aggravata “dalle condizioni di inferiorità psichica e fisica”, dal momento che la ragazza aveva abusato di sostanze alcoliche “in tali quantità da compromettere la capacità di esprimere un valido consenso”, come scrive la pm nella richiesta di misura cautelare. Gli esami tossicologici a cui è stata sottoposta otto ore dopo i fatti hanno confermato “una percentuale di etanolo presente nel plasma pari a 96 mg/dl, un considerevole stato di ebbrezza alcolica”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.