Il Milan perde l’attimo. Vola il Napoli

I rossoneri battuti in casa dallo Spezia, mancano il sorpasso in vetta, Napoli show a Bologna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:47

Altro che sorpasso in vetta. Il Milan perde in casa contro lo Spezia (2-1) e manca la ghiottissima occasione di scavalcare l’Inter e prendersi la vetta. Gyasy all’ultimo secondo del recupero, gela San Siro e lo Spezia si prende tre punti d’oro per la salvezza. Vince invece il Napoli che sbanca Bologna e blinda il terzo posto, portandosi a +5 sulla Juventus che al momento è quinta, ma soprattutto “vede” il secondo posto del Milan, stasera solo a meno due.

Milan, che tonfo

Un primo tempo letteralmente dominato ma anche maledettamente sofferto. Il Milan fa la partita e schiaccia lo Spezia ma il vantaggio rossonero arriva solo nel recupero della prima frazione. Il Milan mette le tende nella metà campo avversaria, arriva ben dodici volte al tiro, ma non la sblocca. Si gioca a senso unico, ma i liguri tengono e addirittura alla mezz’ora in controgioco fanno salire qualche brivido sulla schiena dei rossoneri con Reca che costringe Maignan ad un grande intervento per evitare la capitolazione. Milan che attacca senza soluzione di continuità, ma fa fatica a trovare il gol. Neppure dal dischetto. Nel finale di tempo, Leao viene steso in area e l’arbitro Serra, richiamato dal Var, dice che è calcio di rigore, ma Theo angola troppo e calcia fuori. Sull’azione seguente, arriva il vantaggio: rilancio di Krunic, Nikolaou sfiora il pallone che arriva a Leao che a tu per tu con Provedel, lo supera con un abile pallonetto: 1-0 Milan all’intervallo.

Lo Spezia non ha nulla da perdere e prova ad alzare il baricentro nella ripresa. Ci prova subito Amian da dentro l’area, Maignan chiude in angolo. Il Milan si abbassa, lo Spezia ci crede e d’incanto trova il pari: cross di Verde dalla sinistra, taglio di Agudelo che trova impreparata la difesa del Milan che si addormenta e per l’attaccante spezzino metterla dentro con un tap-in è gioco da ragazzi: 1-1. Milan povero di idee, lo Spezia che ci crede e per poco non passa. Agudelo dopo una gran discesa a destra, la mette in mezzo, Maignan sbaglia l’uscita, Kovalenko però non arriva sul pallone. Cinque di recupero. Ci prova Ibra con la forza della disperazione, palla debole. Spezia che si difende a denti stretti, Messias la mette dentro ma l’arbitro ferma il gioco per un fallo su Rebic, senza rendersi conto che la palla era arrivata a Messias, e quindi non concedendo il vantaggio. Errore clamoroso. Provedel salva su Ibra, un assedio gli ultimi secondi. E all’ultimo secondo del recupero, la beffa, con il controgioco dello Spezia, Agudelo la mette in mezzo da terra per Gyasy che gela San Siro. Vince lo Spezia e mette dentro tre punti d’oro in chiave salvezza. Il Milan, perde l’attimo.

Il Napoli sfonda anche a Bologna

E’ un dominio netto ed inequivocabile quello che del Napoli che passa al Dall’Ara: 2-0 al Bologna di Mihajlovic. Partita mai in discussione, soprattutto per la qualità del gioco espressa dalla formazione di Luciano Spalletti che la indirizza da subito grazie al messicano Lozano che corregge in rete un cross da sinistra di Elmas. Tanto, troppo Napoli che domina la scena lasciando le briciole al generoso, ma nulla più, Bologna. Nel finale di tempo conclusione dalla distanza di Fabian Ruiz e palla che incoccia sul palo. Non cambia la musica nella ripresa, con il Napoli che la vuole chiudere e ci riesce, ancora con Lozano che realizza la personale doppietta e regala al Napoli tre punti d’oro. Azzurri terzi in solitaria. Per il Bologna, altro boccone amaro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.