Migranti, Di Maio: “Riattivare i meccanismi temporanei di redistribuzione”

Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ricevendo oggi alla Farnesina il Vice Presidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:58
Margaritis Schinas e Luigi Di Maio

E’ necessario “porre il tema migratorio al centro del dibattito politico europeo, con particolare riferimento al tema della solidarietà nei confronti degli Stati membri di primo ingresso”. Lo ha sottolineato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ricevendo oggi alla Farnesina il Vice Presidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas, anche in vista del Consiglio Europeo del 24-25 giugno. Lo rende noto la Farnesina ripresa da Ansa.

Accresciuta pressione migratoria nel Mediterraneo Centrale

L’esigenza di un approccio comune a livello UE sulla condivisione di responsabilità – ha aggiunto Di Maio – è resa tanto più urgente dalla attuale fase di accresciuta pressione migratoria nel Mediterraneo Centrale. Nel quadro delle nuove proposte sul Nuovo Patto sulla Migrazione e l’Asilo, il Ministro ha ribadito l’approccio costruttivo dell’Italia ai negoziati, sottolineando l’importanza di giungere a forme di solidarietà permanenti ed efficaci incentrate su meccanismi di redistribuzione per la gestione degli arrivi.

I riattivare meccanismi temporanei di redistribuzione

Nelle more dell’adozione del Nuovo Patto, il titolare della Farnesina ha ricordato l’importanza di riattivare meccanismi temporanei di redistribuzione analoghi a quelli sanciti dalla Dichiarazione di Malta del 2019, ricordando il ruolo fondamentale che la Commissione Europea può svolgere nel sostenere gli Stati Membri che vi aderiscono. Con riferimento alla dimensione esterna delle migrazioni, infine, il Ministro di Maio ha confermato il sostegno dell’Italia ad un rafforzamento della collaborazione con i Paesi di origine e di transito, instaurando partenariati a livello Ue mirati e vantaggiosi che consentano di compiere progressi concreti verso una politica europea dei rimpatri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.