Migranti, tragedia nel canale della Manica: infranto il sogno di arrivare in Gran Bretagna

Si è infranto il sogno di alcuni migranti di arrivare in Gran Bretagna dalla Francia a causa di un naufragio che ha coinvolto diverse imbarcazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:44
mare

Si è infranto il sogno di alcuni migranti di arrivare in Gran Bretagna dalla Francia. A causa di un naufragio avvenuto nella notte nel Canale della Manica che ha coinvolto diverse imbarcazioni, un migrante è morto e un altro risulta disperso; oltre 400 persone sono state tratte in salvo. Lo rendono noto la procura di Dunkerque e la prefettura marittima in Francia.

Le operazioni di salvataggio nello stretto del Pas-de-Calais

“Numerose” operazioni di salvataggio sono state condotte nello stretto del Pas-de-Calais, cominciate nella notte tra martedì e mercoledì e proseguite “fino alla sera” dello stesso giorno, riferisce un comunicato della prefettura marittima della Manica e del mare del Nord (Premar).

Il migrante deceduto sarebbe “un adulto” di una “trentina d’anni” e l’imbarcazione con cui tentava di raggiungere la Gran Bretagna trasportava “una quarantina di persone”, ha detto all’Afp il procuratore di Dunkerque, Sébastien Piève, secondo i primi elementi disponibili.

La persona dispersa sarebbe invece caduta in mare al largo, secondo il racconto dei migranti tratti in salvo e riportati a terra. La procura ha aperto un’inchiesta per “omicidio volontario”, affidata alla Polizia di frontiera.

“Questa settimana c’è una forte attività” di imbarcazioni di fortuna che tentano la traversata del Canale, probabilmente spinte “da condizioni meteo relativamente clementi”, ha aggiunto il procuratore. Nella notte tra lunedì e martedì erano stati salvati altri 292 migranti in 7 diverse operazioni di soccorso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.