Maturità: la seconda prova scritta sulla disciplina caratterizzante

Questa prova è diversa per ciascun indirizzo e riguarda una disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22

E’ iniziata alle ore 8:30 la seconda prova scritta dell’esame di maturità 2022. Questa prova – diversamente da quella di italiano di ieri – è diversa per ciascun indirizzo e riguarda una disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi.

Seconda prova predisposta dai singoli istituti

Quest’anno la prova è predisposta dai singoli istituti, che potranno così tenere conto di quanto effettivamente svolto dai ragazzi durante l’anno scolastico, anche in considerazione dell’emergenza pandemica.

La durata della seconda prova scritta cambia da indirizzo a indirizzo; si va dalla prova in un unico giorno, con durata in genere di 6 ore (ma ci sono quadri di riferimento che possono prevedere anche una durata di 4 ore o una, massima, di 8 ore), alla prova dei licei artistici che dura 3 giorni (6 ore al giorno). Nei licei musicali e coreutici la prova dura due o più giorni, e comprende una parte scritta/teorica e una performativa.

La prova si svolge in forma scritta, ma anche in forma grafica o scritto-grafica, pratica, compositivo/esecutiva musicale e coreutica, ha per oggetto una o più discipline caratterizzanti il corso di studio ed è intesa ad accertare le conoscenze, le abilità e le competenze attese dal profilo educativo culturale e professionale dello studente dello specifico indirizzo.

In un liceo romano la versione e l’analisi testo di Tacito

Una versione di TacitoDe origine et situ Germanorum“, è stata proposta stamane agli alunni di un liceo classico romano, secondo quanto apprende l’ANSA. Oltre a tradurre il testo dal latino all’Italiano, i maturandi devono rispondere a tre quesiti relativi all’interpretazione e alla composizione del brano e fare l’analisi linguistica e stilistica del testo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.