Mattarella: “Invecchiamento e anzianità non costituiscono una condizione di emarginazione”

Il messaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, in occasione della V Conferenza Ministeriale della Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'Europa, in svolgimento a Roma e dedicata all'invecchiamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46
Sergio Mattarella guerra

“L’invecchiamento, l’anzianità, non costituiscono una condizione di emarginazione da recuperare”. E’ quanto scrive il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio alla Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti. in occasione della V Conferenza Ministeriale della Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Europa, in svolgimento a Roma e dedicata all’invecchiamento.

“Giustamente – scrive Mattarella – le Nazioni Unite hanno posto l’obiettivo del decennio 2021-2030 indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per un mondo in cui ‘tutte le persone possano vivere a lungo in buona salute’ insieme a quelli dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile per tutti. Affermare il valore della vita significa costruire una società per tutte le età, in cui i diritti di ciascuno trovino completa espressione. È compito delle istituzioni e delle libere espressioni sociali approntare politiche di welfare a questo scopo”.

“Rivolgo un caloroso saluto a tutti i partecipanti alla V Conferenza Ministeriale della Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Europa dedicata all’invecchiamento, che abbiamo l’onore di ospitare a Roma. Il tema della Conferenza, Un mondo sostenibile per tutte le età: unire le forze per la solidarietà e le pari opportunità per tutta la vita, incoraggia una riflessione matura, sottolineando che avere un pianeta più armonioso significa anche offrire condizioni sostenibili per le persone nelle diverse stagioni dell’esistenza”.

“Un ambiente sano e sicuro vale per l’intera popolazione e, naturalmente, anche per quella anziana: una qualità dell’esistenza migliore si traduce in vita migliore per le famiglie e per l’intera comunità”, afferma il Presidente.

“L’enorme progresso sul terreno della tutela della salute di ciascuno ha realizzato condizioni per un aumento delle attese di vita, modificando tradizionali equilibri nella struttura demografica, incrementando la popolazione anziana. La sfida dell’invecchiamento ci riguarda tutti. È parte del principio della pari dignità di ogni essere umano, anche quando si dovesse trovare nella condizione di perdere la propria autonomia. Parimenti sono necessarie strategie che permettano la massima partecipazione sociale di questa componente della popolazione, risorsa preziosa, custode delle nostre origini e delle nostre identità. Con questi auspici formulo auguri di buon lavoro”, conclude il Capo dello Stato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.