Mattarella ha ricevuto il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

Il Presidente dell'Anac presenterà domani alla Camera dei Deputati la Relazione sull'attività svolta dall'Autorità nel corso del 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:42
Palazzo del Quirinale 17/06/2021 Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra Giuseppe Busia,Presidente dell’ Autorità Nazionale Anticorruzione,in occasione della presentazione della relazione annuale. Fonte: Quirinale

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Giuseppe Busia, con i consiglieri Consuelo Del Balzo, Luca Forteleoni, Paolo Giacomazzo e Laura Valli, e il Segretario Generale, Renato Catalano, in occasione della presentazione della Relazione annuale ANAC. Il Presidente dell’Anac Busia presenterà alla Camera dei Deputati la Relazione sull’attività svolta dall’Autorità nel corso del 2020 il prossimo 18 giugno.

La missione di ANAC

L’ANAC è un’autorità amministrativa indipendente la cui missione istituzionale è individuata nell’azione di prevenzione della corruzione in tutti gli ambiti dell’attività amministrativa.

E’ organo collegiale composto dal Presidente – Giuseppe Busia – e da quattro componenti scelti tra esperti di elevata professionalità, anche estranei all’amministrazione, con comprovate competenze in Italia e all’estero, sia nel settore pubblico sia in quello privato, di notoria indipendenza e comprovata esperienza in materia di contrasto alla corruzione.

L’attività di ANAC si esplica attraverso la vigilanza su vari fronti: applicazione della normativa anticorruzione e rispetto degli obblighi di trasparenza, conferimento degli incarichi pubblici, conflitti di interesse dei funzionari, affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.