Mafia, arrestato a Trapani il fiancheggiatore di Matteo Messina Denaro

Gaspare Salvatore Gucciardi, accusato di associazione a delinquere di tipo mafioso, farebbe parte della mafia trapanese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49
Un arresto dei carabinieri (immagine di repertorio)

Un altro favoreggiatore del superlatitante Matteo Messina Denaro è finito in carcere. Si tratta – scrive tra gli altri Il Giornale di Sicilia – di Gaspare Salvatore Gucciardi, accusato di associazione a delinquere di tipo mafioso.

Avrebbe fatto parte di Cosa Nostra trapanese insieme ad altre persone già condannate o sottoposte ad altri procedimenti penali tra cui Matteo Messina Denaro, Vito Gondola e Michele Gucciardi.

L’arresto scaturisce dall’esito del processo “Pionica” che si è concluso, il 23 dicembre scorso, con la condanna, tra gli altri, di Gaspare Salvatore Gucciardi alla pena di anni dieci di reclusione su richiesta dei Sostituti Procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.

L’arresto

I Carabinieri del Comando Provinciale di Trapani, la scorsa notte hanno rintracciato l’uomo nella propria abitazione a Vita, in provincia di Trapani. Secondo gli investigatori, Gucciardi ha mantenuto un costante collegamento con altri mafiosi “assicurando all’interno del sodalizio criminoso la veicolazione di informazioni riservate, comunicando con altri associati il rinvenimento di apparecchiature destinate all’attività investigativa”.

Dalle indagini è emerso che Gaspare Salvatore Gucciardi aveva messo a disposizione i propri locali del baglio, in località Chinea, tra Trapani e Salemi, per consentire incontri riservati. È accusato anche di intestazione fittizia di beni, poi rivenduti, al fine di sottrarli alle misure di prevenzione patrimoniale e i cui proventi venivano messi a disposizione per sovvenzionare economicamente anche la latitanza di Matteo Messina Denaro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.