Ursula von der Leyen, Recovery: “Primi fondi entro giugno”

L'appello di Sassoli, von der Leyen e Costa a fare presto a sbloccare i fondi, dopo la firma del regolamento sul Recovery fund

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37
La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen

Gli Stati membri della Ue devono ratificare il prima possibile la decisione sulle risorse proprie che darà il via libera al Next Generation Eu, affinché i fondi del Recovery possano arrivare già all’inizio dell’estate. E’ l’appello lanciato oggi dal presidente del Parlamento Ue David Sassoli, della Commissione Ursula von der Leyen e della presidenza di turno Antonio Costa, dopo la firma del regolamento sul Recovery fund. I tre presidenti auspicano una ratifica entro fine marzo, in modo che i piani nazionali possano arrivare a Bruxelles entro fine aprile.

“I cittadini e le imprese non possono aspettare, per questo lanciamo un appello ai parlamenti nazionali che possono accelerare e dare subito il via libera” allo strumento che inietterà nelle economie dei 27 Stati Ue 750 miliardi di euro, e assicurerà che ci sia una “ripresa europea, di tutti”, ha detto Sassoli. “Credo che i primi Stati che riusciranno a concludere il negoziato con la Commissione possono avere i fondi magari anche all’inizio dell’estate”, ha aggiunto il presidente di turno della Ue, Antonio Costa, riportato da Ansa.

Von del Leyen: “C’è un lavoro molto grande da fare”

Quello che cambia con il Recovery fund – ha commentato Ursula von der Leyen rispondendo a una domanda sul tipo di riforme che i Paesi dovranno inserire nei piani di rilancio nazionali – è che stavolta le riforme chieste dalla Ue non produrranno solo le fisiologiche difficoltà economiche nel breve termine, ma saranno accompagnate subito dagli investimenti finanziati dai fondi comuni che eviteranno gli effetti collaterali.

“E’ un lavoro molto grande da fare, si tratta di una parte del Pil enorme che viene investita nel Next Generation EU, e stiamo trattando coi i governi su vari temi: dalle riforme per la sostenibilità dei conti, al mercato del lavoro, riforma fiscale, sicurezza sociale, appalti. Stavolta c’è di diverso che con le riforme arrivano gli investimenti. Di solito ci sono difficoltà economiche al momento delle riforme perché non ci sono investimenti”, ha spiegato von der Leyen.

Von der Leyen: “Tagliare tempi di approvazione dei vaccini”

Von der Leyen è intrevenuta anche sulla lotta alla pandemia di Covid rispondendo a una domanda su cosa è possibile migliorare sul fronte dei vaccini. “Ho già detto che abbiamo sottovalutato la capacità necessaria per produrre vaccini rapidamente e in massa, ma guardando al futuro possiamo ancora accorciare i tempi nel processo regolatorio per approvare i vaccini sul mercato“.

Dombrovskis: “Recovery è opportunità, Draghi ottimo capitano”

Il Recovery Fund rappresenta “un’opportunità unica per l’Italia, per invertire la rotta della sua economia, rendendola più forte e adatta per il futuro”. E Mario Draghi è “un ottimo capitano che può portare a termine questo lavoro”, in quanto è “capace di stare saldamente al timone anche durante la tempesta” e “non fugge di fronte alle decisioni difficili”, ha commentato sempre oggi il vicepresidente della commissione europea Valdis Dombrovskis in un colloquio su La Stampa in merito al Recovery.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.