Legge omofobia perché non va. La proposta Zan esaminata articolo per articolo

Il volume, edito da Cantagalli, a cura di Alfredo Mantovano, propone una guida alla lettura dei 10 articoli del testo sul contrasto all'omo-transfobia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30

Legge omofobia perché non va. La proposta Zan esaminata articolo per articolo“. E’ questo il titolo del libro a cura di Alfredo Mantovano (edizioni Cantagalli) che – come esito della riflessione maturata all’interno del Centro Studi Livatino – propone una guida alla lettura dei 10 articoli del testo sul contrasto all’omo-transfobia redatto dal relatore on. Alessandro Zan e approvato il 4 novembre 2020 dalla Camera dei Deputati.

I contributi

Hanno contribuito alla stesura del volume Domenico Airoma, Daniela Bianchini, Francesco Cavallo, Francesco Farri, Carmelo Leotta, Alfredo Mantovano, Roberto Respinti, Mauro Ronco, Angelo Salvi e Aldo Rocco Vitale.

Le dichiarazioni

“I primi due articoli – si legge – inquadrano la novità legislativa nel contesto attuale e forniscono gli elementi per valutare la sostanziale inutilità delle disposizioni proposte, se il loro scopo è impedire ingiuste discriminazioni in danno di persone omosessuali, esistendo già doverosi ed efficaci presidi di tutela del nostro ordinamento”.

Il volume, si legge ancora, “è completato dalla verifica della insistenza di una copertura finanziaria, pur se il t.u. comporta impegni di spesa, da un quadro d’insieme della disciplina di altri Paesi, in particolare degli Usa, che adottano una legislazione antiomofobia, e degli effetti negativi emersi dove norme simili sono state approvate, e infine da una riflessione sulla libertà di opinione e su come preservare l’esercizio, qualora il t.u. Zan diventasse legge”. 

E’ possibile acquistare il volume CLICCANDO QUI

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.