Lamorgese: “Vaccini ai più giovani in vista dell’estate”

Lamorgese: "Per il weekend di Pasqua saranno intensificati i controlli con circa 70 mila donne e uomini in campo"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

Per il weekend di Pasqua saranno intensificati i controlli con circa 70 mila donne e uomini in campo. Lo annuncia la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese in un’intervista al Messaggero.

Lamorgese invita a non abbassare la guardia in vista dell’estate: “Ora che è stato raggiunto l’accordo con le Regioni per l’utilizzo della rete delle farmacie, tra maggio e giugno dovremmo iniziare a vaccinare anche le classi di età dei più giovani che, notoriamente, si spostano e socializzano più delle altre”.

A suo avviso – riassume Ansa – il passaporto vaccinale “assicurando gli spostamenti in sicurezza, potrà contribuire anche alla ripresa del settore turistico”.

Seconda Pasqua in casa

Tornando alla “seconda Pasqua chiusi in casa” che si avvicina, la ministra ammette: “Crea altro disorientamento, ma non è il momento di abbassare la guardia”. Poi, snocciola i dati delle verifiche fatte: “Dall’11 marzo del 2020, le forze di polizia, insieme ai militari di Strade sicure e alle polizie locali, hanno effettuato quasi 40 milioni di controlli alle persone, di cui 633 mila sanzionate”.

Questo weekend il faro sarà puntato in particolare sulle “aree urbane più esposte al rischio di assembramenti”, sulle “arterie stradali e autostradali, le stazioni ferroviarie, i porti e gli aeroporti. Proprio per la valutazione di tutti questi aspetti ho convocato per domani mattina al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica”, preannuncia.

Autocertificazione falsa

In merito alla sentenza che di recente ha stabilito che mentire nell’autocertificazione non è reato, Lamorgese risponde: “Non commento le decisioni della magistratura, ricordo a me stessa che stiamo sempre parlando di false dichiarazioni rese davanti a un pubblico ufficiale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.