Lagarde avverte: “Donne più gravate dalla pandemia, parità a rischio”

Lagarde, presidente Banca Centrale Europea: "L'impatto sociale ed economico della pandemia sulla vita delle donne è particolarmente pesante"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:45
La presidente della banca Centrale Europea (BCE) Christine Lagarde, al 30esimo Frankfurt European Banking Congress

Per Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, “l’anno appena trascorso ha reso evidente che l’impatto sociale ed economico della pandemia sulla vita delle donne è particolarmente pesante”.

In un intervento sul Corriere della Sera, Lagarde evidenzia: “È preoccupante che queste circostanze rischino di annullare i progressi conquistati a caro prezzo sul fronte della parità di genere. Non dobbiamo permettere che ciò accada“.

Lagarde: “C’è speranza di cambiamento”

Ma a suo avviso “c’è anche speranza di cambiamento. La pandemia non ha soltanto alzato il velo sulle gravi carenze della nostra società, ci ha anche costretto ad agire in modo diverso. Per questo oggi, Giornata internazionale della donna, invito tutti, donne e uomini, a rompere insieme gli schemi e abbracciarne di nuovi, più consoni alle necessità del presente”, “la pandemia ha messo chiaramente in luce lo squilibrio fra uomini e donne in termini di lavoro non retribuito. Ma ci ha anche dimostrato che i nostri compagni possono farsene carico”.

Donne nel mondo del lavoro

Secondo Lagarde “una maggiore partecipazione delle donne al mondo del lavoro, con adeguati servizi per l’assistenza all’infanzia e un’organizzazione flessibile dell’orario di lavoro a favore di donne e uomini, permetterebbe di compiere un grande passo avanti nel colmare il divario retributivo di genere. Nell’Ue – evidenzia – le donne guadagnano” ancora “in media all’ora il 14,1% in meno degli uomini”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.