La Cei dona a Banco Alimentare mezzo milione di euro dai fondi dell’8xmille

Giovanni Bruno: "Conforto per noi e per tutte le persone indigenti che ricevono aiuto attraverso le migliaia di strutture caritative con noi convenzionate"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:31

La presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha deciso lo stanziamento di mezzo milione di euro dai fondi dell’8xmille destinati dai cittadini italiani alla Chiesa cattolica, per sostenere l’attività della rete Banco Alimentare, che in tutta Italia, anche durante questa emergenza, continua ogni giorno a recuperare cibo dalla filiera alimentare per distribuirlo a 7.500 strutture caritative che assistono 1.500.000 persone povere.

“La sollecitudine, l’immediatezza e l’entità del sostegno venuto dalla Cei sono un grandissimo conforto per noi e per tutte le persone indigenti che ricevono aiuto attraverso le migliaia di strutture caritative con noi convenzionate” – dichiara Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus. In questo momento difficile Banco Alimentare è impegnato per garantire l’operatività quotidiana dei suoi 21 Banchi in tutta Italia e non interrompere questa catena di solidarietà, per non abbandonare chi è  già in difficoltà e tutti quelli che vi entrano a causa di questa grave emergenza.

“Vogliamo ringraziare la Cei, e i tanti cittadini italiani che con  il loro 8xmille hanno reso possibile questo contributo, continuando con la nostra opera quotidiana a rafforzare l’unità all’interno delle comunità locali. Questo segno di vicinanza è per noi importantissimo richiamo alla responsabilità  nella realizzazione della nostra opera che poggia innanzitutto sull’imperativo del “dar da mangiare agli affamati”, sentendoci compagni di strada di tutti. Rinnoviamo quindi – conclude Bruno – l’appello alla solidarietà invitando a sostenere le iniziative e gli interventi in favore delle persone in difficoltà e in condizioni sempre più precarie”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.