Iss: indice Rt a 0,69. Speranza: “Oggi ordinanza per 99% Italia bianca”

L'indice Rt passa da 0,68 della scorsa settimana a 0,69, facendo registrare così un lievissimo aumento. Italia quasi tutta bianca da lunedì

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34
Roberto Speranza Astrazeneca

L’indice Rt passa da 0,68 della scorsa settimana a 0,69, facendo registrare così un lievissimo aumento che, secondo gli esperti della cabina di regia, fa considerare ancora stabile lo stesso indice di trasmissibilità delle infezioni da Covid, nel nostro Paese. E’ quanto si legge nella bozza di monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute all’esame della cabina di regia.

Aumenta l’Rt ma cala l’incidenza

Continua invece ad evidenziarsi una netta riduzione dell’incidenza, uno dei valori chiave – scrive SkyTg24 – per le decisioni sulle misure di contenimento, che questa settimana scende ancora, attestandosi a circa 16.7 casi ogni 100 mila abitanti, rispetto a 25 di una settimana fa. L’incidenza – sotto il valore di 50 per 100.000 abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio – permetterebbe il contenimento dei nuovi casi. Prosegue inoltre come da programma la campagna vaccinale.

L’Italia dal 21 giugno

Speranza: “Oggi ordinanze per 99% Italia bianca”

“Si riuniranno oggi come sempre avviene il venerdì la cabina di regia, il Cts, e sarò chiamato a firmare delle ordinanze. Oggi sono ordinanze che ci fanno fare un altro passo in avanti: il 99% dell’Italia grazie a queste ordinanze arriverà in zona bianca“. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza intervenendo al convegno al Senato “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”.

“E’ un dato incoraggiante – ha sottolineato – figlio anche di una campagna di vaccinazione che sta conseguendo risultati molto importanti e rilevanti. Ieri oltre 570mila dosi, un risultato incoraggiante”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.