Israele: crolla tribuna durante raduno religioso, tragedia sul monte Meron

Almeno 46 persone sono morte e altre 150 sono rimaste ferite, ma il bilancio non è definitivo. "Un terribile disastro", ha commentato il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:58

Una tribuna molto affollata è crollata durante un raduno religioso di massa ebraico sul monte Meron, in Galilea (Israele). Si stava celebrando la festività ebraica di Lag ba-Omer, presso la tomba del rabbino Shimon bar Yochai, quando alcune persone sarebbero scivolate dalle gradinate trascinando altri partecipanti. Ne è seguita una fuga di massa e in molti sono rimasti schiacciati.

Morti e feriti

Nelle ore, è salito ad almeno 150 il bilancio dei feriti della calca scatenatasi al raduno religioso ebraico sul monte Meron, in Galilea, dove sono morte 44 persone travolte dalla folla. Lo rendono noto fonti di soccorso citate dai media israeliani, secondo le quali almeno 24 persone sono in gravi condizioni e sei di queste rischiano la vita. “Un terribile disastro”, ha commentato il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

Situazione di emergenza in sito sacro ebraico

Decine di ambulanze hanno cercato di raggiungere i feriti, facendosi strada in una folla di ebrei ortodossi stimata in quasi 100 mila persone, scrive Ansa, affluite nella ricorrenza ebraica di Lag ba-Omer. Anche elicotteri militari partecipano ai soccorsi. Lo stato di emergenza è stato proclamato dal vicino ospedale di Safed, in Galilea.

Sassoli: “Tragedia monte Meron lascia sgomenti”

Lascia sgomenti la tragedia con decine di morti e centinaia di feriti tra i pellegrini del monte Meron, in una comunità che stava orgogliosamente rinascendo dopo il Covid. Le mie più sentite condoglianze al popolo e allo Stato di Israele. Così in un tweet il presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.