In India la campagna vaccinale accelera, ma serve maggior cooperazione

In un solo giorno sono state vaccinate 8,59 miliardi di persone, ma è fondamentale una sinergia internazionale per aumentare le scorte di siero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:22
epa09090148 Local residents of Dharavi slum gets their first dose of a Covid-19 vaccine shot, manufactured by Serum Institute of India, inside Vaccination Centre set up for people residing in Dharavi at Urban Health Centre, at Dharavi, in Mumbai, India, 22 March 2021. Maharashtra is the worst-hit state and it reported 30,535 fresh COVID-19 positive cases, the highest rise in a single day. EPA/DIVYAKANT SOLANKI

La campagna vaccinale per il virus denominato COVID-19 ha avuto inizio lo scorso 16 gennaio, data a partire dal quale hanno ricevuto le prime dosi gli over 60 e i lavoratori impiegati nel comparto sanità, dal mese di maggio la possibilità di vaccinarsi è stata data a tutti i cittadini con un’età superiore ai diciotto anni, per questo le scorte di siero hanno iniziato a scarseggiare ma, da un po’ di tempo a questa parte, grazie all’aumento dell‘approvvigionamento di vaccini, è stato possibile imprimere una impressionante velocità alla campagna di vaccinazione, tanto che – allo stato attuale – risulta essersi vaccinato in un solo giorno il numero record di 8,59 milioni di persone.

Persone vaccinate in aumento

Nell’intero subcontinente indiano, nella scorsa settimana, sono stati somministrati in media 3,5 milioni di vaccini, con un trend in aumento di oltre il 7% rispetto alla settimana precedente. A titolo esemplificativo, è utile ricordare che, L’India insieme al Brasile è stato il paese che ha pagato il tributo più alto in termini di vite umane per la pandemia da coronavirus, nel paese vi sono stati oltre 30 milioni di persone infette e 389.000 decessi. In ultima istanza, per far sì che le vaccinazioni continuino con celerità, è fondamentale che

Fondamentale la sinergia internazionale

Le Nazioni Unite incrementino il programma definito COVAX, il quale prevede l’accesso e qua i vaccini e dai test diagnostici contro il covid, con l’obiettivo di mitigare gli effetti della pandemia e contestualmente garantire la produzione di oltre due miliardi di dosi di vaccini entro la fine del 2021, delle quali 1,3 miliardi saranno destinati ai paesi poveri ad in via di sviluppo, la realizzazione di questo traguardo permetterà all’india di immunizzare gran parte della popolazione nei confronti di questa patologia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.