Incendio nel residence “Il Capodoglio” di Rimini, morta una donna

Una donna di 37 anni è morta la scorsa notte nell'incendio del residence "Il Capodoglio" a San Giuliano di Rimini. Due i feriti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15
L'incendio nel residence "Il Capodoglio" a San Giuliano di Rimini

Una donna di 37 anni è morta la scorsa notte nell’incendio del residence “Il Capodoglio” a San Giuliano di Rimini. È successo poco dopo l’una, quando i vigili del fuoco sono intervenuti in soccorso agli occupanti del residence di tre piani, alcuni dei quali trasportati in ospedale. L’incendio sviluppatosi da un appartamento ubicato al secondo piano ha coinvolto anche i piani superiori avvolti dal fumo.

Notte di paura e dolore

I Vigili del fuoco – riportano fonti locali – sono intervenuti verso 01.10 in Via Nicolini con tre automezzi, tra cui un autoscala, e 17 uomini.

Secondo una prima ricostruzione, il fuoco si sarebbe sprigionato al secondo piano – dove abitava la donna – e ha poi interessato anche il terzo. Da una prima ricostruzione sembra che la donna si sia rifugiata nel bagno privo di finestre dove è stata trovata priva di vita.

Un uomo, rifugiatosi sul balcone della propria abitazione ormai completamente avvolta dal fumo al terzo piano, è stato salvato tramite autoscala che ha potuto raggiungere il balcone e portare a terra la persona per le cure del caso.

Feriti due gravi

Sul posto alcune pattuglie della Polizia di Stato che hanno collaborato con i Vigili del fuoco nel salvataggio delle persone ed anche diverse autoambulanze del 118. Proprio una volante è giunta per prima sul posto.

Gli agenti hanno cercato di soccorrere le persone bloccate nell’appartamento, ma hanno dovuto desistere a causa della violenza dell’incendio e del fumo. Il secondo e il terzo piano sono interdetti per danni strutturali. Trasportati all’ospedale con un codice di massima gravità due uomini di 36 e 31 anni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.