In preghiera per l'ecumenismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:28

Oggi, nel Palazzo Apostolico Vaticano, Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti alla visita di studio di giovani sacerdoti e monaci delle Chiese ortodosse orientali.

Scambio di doni

Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo“. Con queste parole dell’Apostolo, il Pontefice saluta le Chiese ortodosse orientali. “Una visita è sempre uno scambio di doni- afferma Jorge Mario Bergoglio-. Quando la Madre di Dio visitò Elisabetta, condivise con lei la gioia per il dono di Dio che aveva ricevuto. Ed Elisabetta, accogliendo il saluto di Maria che le fece sussultare il bambino nel grembo, fu colmata del dono dello Spirito Santo e donò alla cugina la sua benedizione“. Come Maria ed Elisabetta, aggiunge il Papa, “le Chiese portano in sé vari doni dello Spirito,da condividere per la gioia e il bene reciproci, così, quando noi cristiani di diverse Chiese ci facciamo visita, incontrandoci nell’amore del Signore, abbiamo la grazia di scambiarci questi doni”.

L'opera gratuita di Dio

“Possiamo accogliere quello che lo Spirito ha seminato nell’altro come un dono per noi- evidenzia Francesco-.In questo senso, la vostra visita non è solo un’occasione per approfondire la conoscenza della Chiesa cattolica, ma è anche per noi cattolici un’opportunità per accogliere il dono dello Spirito che è in voi. La vostra presenza ci permette questo scambio di doni ed è motivo di gioia”. Dice ancora l’apostolo Paolo: “Rendo grazie continuamente al mio Dio per voi, a motivo della grazia di Dio che vi è stata data“. Anche il Pontefice oggi rende grazie “per lo stesso motivo, per la grazia di Dio che vi è stata data”. Tutto, secondo Francesco, parte da qui, “dal vedere la grazia, dal riconoscere l’opera gratuita di Dio, dal credere che è Lui il protagonista del bene che c’è in noi”. Questa è “la bellezza dello sguardo cristiano sulla vita” ed è anche “la prospettiva nella quale accogliere il fratello, come l’Apostolo insegna”.

Contro la violenza

Il Papa è “grato per voi, per la grazia che avete accolto nella vita e nelle vostre tradizioni, per i sì del vostro sacerdozio e della vostra vita monastica, per la testimonianza data dalle vostre Chiese ortodosse orientali, Chiese che hanno sigillato nel sangue la fede in Cristo e che continuano a essere semi di fede e di speranza anche in regioni spesso segnate, purtroppo, dalla violenza e dalla guerra”. Spera che “ciascuno di voi abbia potuto avere un’esperienza positiva della Chiesa cattolica e della città di Roma e che qui vi siate sentiti non ospiti, ma fratelli tra fratelli”. Il Signore, sottolinea il Papa, è “contento di questo, della fraternità tra di noi: che questa vostra visita, e quelle che con l’aiuto di Dio potranno seguire, diano piacere e gloria al Signore! Che la vostra presenza diventi un piccolo seme fecondo per far germogliare la comunione visibile tra di noi, quell’unità piena che Gesù ardentemente desidera”.  Quindi, conclude il Pontefice:”Cari fratelli, mentre rinnovo il ringraziamento cordiale per la vostra visita, vi assicuro il ricordo nella preghiera e confido anche nel vostro per me e per il mio ministero- puntualizza Francesco-.Il Signore vi benedica e la Madre di Dio vi protegga. E, se vi è gradito, ognuno nella propria lingua, possiamo pregare insieme il Padre Nostro“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.