Oggi in Vaticano la consegna dei generi alimentari. Il cuore di Francesco per i poveri

La consegna ai poveri di generi alimentari e coperte si tiene oggi in Vaticano. Le tappe e i risultati dell'iniziativa caritativa potenziata durante il lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24
Sostegno ai poveri
Francesco non abbandona i poveri. Sulla povertà, ed in particolare sull’emergenza alimentare, il primo passo è stato il raddoppio di quanto raccolto con la raccolta alimentare del 4 luglio. Le missioni in Vaticano sono state organizzate dopo che l’elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski aveva evidenziato la necessità di generi alimentari. L’urgenza è quella di sostenere le famiglie povere e chi non ha una casa e dorme nelle stazioni della capitale. La fondazione Il Cuore si scioglie ha raccolto con entusiasmo e velocemente la richiesta di intervento. E ha organizzato le donazioni, i cui prodotti sono stati rapidamente esauriti negli interventi organizzati dal Vaticano. I nuovi poveri in pandemia sono al centro degli interventi solidali della Chiesa.

A sostegno dei poveri

I poveri sono il cuore della missione di Francesco. “Solidarietà che vince, non si cambia”. E’ questo il senso della terza consegna di generi alimentari e coperte che si tiene oggi in Vaticano. I protagonisti dell’impegno per “gli ultimi” sono la fondazione Il Cuore si scioglie e l’elemosiniere di Papa Francesco. Il cardinale Konrad Krajewski si occupa di prendere in carico le tonnellate di prodotti che la fondazione dona ai bisognosi romani. Dopo un primo contatto nel 2019, il 19 dicembre scorso la fondazione era arrivata in Vaticano con un furgone di pasta, olio, pomodoro, latte, tonno e fagioli. Oltre a decine di coperte da destinare alle persone senza fissa dimora.

In Vaticano

Il 16 gennaio la fondazione è tornata a varcare le porte del Vaticano. Una missione per portare altri 55 quintali di generi alimentari di base e altre coperte. E la collaborazione, riferisce Adnkronos, continua con la donazione di oggi dopo una pausa dovuta all’emergenza Covid-19. L’impegno della fondazione Il Cuore si scioglie per contrastare l’emergenza alimentare è costante. Si articola sia nelle iniziative sul territorio, sia nelle raccolte alimentari. Due volte all’anno sono mobilitati migliaia di volontari. Vengono raccolte centinaia di tonnellate di prodotti. Gli aiuti arrivano direttamente alle associazioni che sul territorio si occupano delle persone in difficoltà.

In pandemia

Durante l’emergenza Covid-19 (nell’ambito dell’impegno per il contrasto alle disuguaglianze) Unicoop Firenze ha organizzato in Toscana una raccolta alimentare. E’ stato raddoppiato quanto donato da soci e clienti. Un totale di 196 tonnellate di prodotti che sono arrivati nelle case delle persone più fragili.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.