Il campionato dei giganti imprigionato dal coronavirus

16 giocatori del campionato professionistico di basket Nba sono risultati positivi. I dubbi sulla ripresa delle gare nella casa di Topolino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:31
Sedici giocatori dell’Nba sono risultati positivi per il coronavirus. La notizia è arrivata lo stesso giorno in cui la lega e i suoi giocatori hanno annunciato che stavano andando avanti con un piano globale per riavviare la stagione a Orlando, in Florida. Il commissario Nba Adam Silver, il direttore esecutivo della National Basketball Players Association Michele Roberts e il presidente NBPA  (il sindacato dei giocatori che giocano nella NBA) Chris Paul hanno espresso vari livelli di ottimismo sul riavvio programmato della stagione nel complesso ESPN Wide World of Sports nonostante un drastico aumento dei test positivi nelle contee.

Campus

“La mia conclusione definitiva è che non possiamo superare il virus e che questo è ciò con cui vivremo per il prossimo futuro, motivo per cui abbiamo progettato il campus come abbiamo fatto: è un rete chiusa e che, sebbene non sia impermeabile, è protetta dai casi che ci circondano”, spiega Silver all’Adnkronos. “Almeno questo è il modello. Per questi motivi, siamo molto a nostro agio ad essere a Orlando. I casi all’Orange County, in Florida, dove si trova il campus Disney, sono aumentati drasticamente da quando l’NBA ha votato per la prima volta per riprendere a giocare con 22 squadre questo mese. Giovedì, la contea ha riportato 727 nuovi casi di virus, con un tasso di test positivo del 17,9 per cento. Poco più di una settimana fa, i residenti della contea avevano il mandato di indossare mascherine quando erano in pubblico per combattere la salita dei tassi di infezione. Una persona della lega non autorizzata a parlare pubblicamente ha riso quando gli è stata chiesta la possibilità di un “Piano B“: troppo lavoro è stato inserito nei protocolli di Orlando e non può essere replicato altrove. Una delle maggiori preoccupazioni tra i giocatori e i dirigenti diretti a Orlando riguardava i lavoratori della Disney che vivevano nelle loro case fuori dal campus. Oltre a combattere il coronavirus, l’NBA e i suoi giocatori cercheranno di continuare la lotta contro le ingiustizie sociali e la disuguaglianza razziale. In particolare LeBron James vuole che gli afro-americani vadano a votare a novembre. La stella dei Los Angeles Lakers è impegnato in prima persona a motivare quella parte della popolazione che spesso decide di non votare perché non si sente rappresentata così ha avuto l’idea di creare un gruppo “More Than a Vote”, cavalcando, riferisce l’Ansa, l’onda delle proteste in tutto il paese contro le diseguaglianze razziali e la polizia violenta.
Usa2020

Spazi

Silver ha dichiarato che, in risposta ai crescenti test positivi, la lega stava lavorando con la Disney per produrre test regolari per i lavoratori che avrebbero potenzialmente condiviso spazi con giocatori o personale della Nba. La lega ha condotto 302 test questa settimana. Il campionato non ha pubblicato i risultati dei test per allenatori o membri del personale di supporto che sono stati testati anche all’inizio della settimana. “Ho trattenuto il respiro nelle ultime settimane e, forse, dovrei essere meno entusiasta o ottimista. Se non altro, mi ha detto che la grande maggioranza dei nostri giocatori ha fatto esattamente quello che avrebbero dovuto fare, che è al sicuro. Ancora una volta, ce ne sono troppi, ma 150 sarebbero stati devastanti“, ha detto Roberts, mentre Silver ha dichiarato che l’Nba non fermerebbe le partite se un giocatore come LeBron James, Kawhi Leonard o Giannis Antetokounmpo dovessero contrarre il virus prima di una gara o di una serie chiave. “Certo, se dovessimo avere una significativa diffusione del coronavirus attraverso la nostra comunità, ciò alla fine potrebbe portare a fermarci“. Secondo i protocolli di salute e sicurezza della NBA, i giocatori che risultano positivi all’interno del campus di Orlando devono entrare immediatamente in un alloggio di isolamento. Supponendo che il test positivo sia confermato, il giocatore rimarrà isolato fino a quando non sarà asintomatico, avrà superato due test consecutivi a più di 24 ore di distanza e ricevuto l’autorizzazione medica. Prima di tornare a giocare, i giocatori devono anche sottoporsi a uno screening cardiaco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.