Attualità

IA e lavoro: una sfida educativa per l’umanità

Lavoro e Intelligenza Artificiale: un tema particolarmente sentito dal Governo tanto che la premier Giorgia Meloni ha scelto di discuterne in una sessione del G7 in Puglia. I leader mondiali sono messi di fronte alla necessità di sviluppare regolamentazioni globali per garantirne l’uso etico e responsabile. Ma, nel rapporto tra Uomo e Intelligenza Artificiale, prima delle regole vanno risolte le questioni di tipo etico. In merito, Interris.it ha chiesto un’analisi a Marco Bianchi, esperto di IA in ambito lavorativo della Cisl Lombardia.

L’analisi di Marco Bianchi

“La capacità di creare e gestire i cosiddetti Big Data – esordisce Bianchi – è nelle mani di pochi Paesi che possono permettersene i costi elevati. Queste Nazioni possono costruire sistemi in grado di utilizzare algoritmi avanzati, quali le IA, raggiungendo così una capacità maggiore in ogni campo economico. Questo può avere pesanti ricadute sociali e politiche. Infatti, l’intelligenza artificiale è solo un insieme di algoritmi che non ha nulla di realmente ‘intelligente’. Conseguentemente, è manipolabile”.

La regolamentazione sul tavolo del G7

“I leader del G7 discuteranno di regolamentazione, aspetto che resta fondamentale ma non di semplice applicazione pratica. Come tutte le nuove e vecchie tecnologie, l’IA è simile ad un coltello: l’essere ‘buono’ o ‘cattivo’ dipende esclusivamente da come lo si usa. Non si tratta perciò solo di mettere delle regole. Bisogna partire da un punto di vista strettamente educativo: come l’essere umano deve porsi nei confronti della IA”.

L’IA nel mondo del lavoro

“Le diverse intelligenze artificiali sono ormai entrate nel mondo del lavoro in modo diffuso. Il lavoratore potrebbe trovarsi ad essere coordinato non da un’altra persona, ma da un sistema. Tant’è che c’è il quesito da parte dei giuslavoristi se l’IA generativa possa essere considerata o meno una nuova personalità giuridica. La proposta di partecipazione alla costruzione organizzativa del lavoro può andare a favore dei lavoratori, se regolamentata”.

IA e lavoro: una sfida educativa

“L’IA è dunque primariamente una questione educativa: è necessario che l’umanità, dinanzi a questa nuova sfida, dai contorni imprecisi e dagli esiti non scontati, torni a guardarsi negli occhi per far emergere quello che è realmente umano da tutto ciò che è manipolazione della realtà”.

Milena Castigli

Recent Posts

Olimpiadi, ci siamo

Da Tokyo a Parigi con licenza di sognare. Ancora due giorni e poi si aprirà…

24 Luglio 2024

Onu: “Oltre 700 milioni di persone nel mondo soffrono la fame”

Per il terzo anno consecutivo, il numero delle persone che soffrono la fame non accenna…

24 Luglio 2024

Terza vittima nel crollo alla Vela Celeste di Scampia

Una donna di 53 anni è deceduta all'ospedale Cardarelli di Napoli a seguito del crollo…

24 Luglio 2024

Commissione Ue: “In Italia spazio civico ristretto”

Il report sullo Stato di diritto della Commissione Ue ha evidenziato che, in Italia, lo…

24 Luglio 2024

Autobomba a Mosca: smentito il ferimento di un funzionario militare

Andrei Torgashov e sua moglie hanno smentito le notizie secondo cui sarebbero rimasti feriti nell'esplosione…

24 Luglio 2024

Intelligenza Artificiale: il 31% degli italiani non la usa

Il quarto rapporto dell’Associazione italiana digital forensic ha evidenziato che, quasi un italiano su tre,…

24 Luglio 2024