I vescovi del Brasile difendono gli indigeni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16

La Chiesa brasiliana al fianco dell'ambiente. I vescovi di Sao Paulo hanno annunciato che si affiancheranno alla denuncia contro ogni sfruttamento minerario che considera “inosostenibili” gli attuali tassi di estrazione che costituiscono una violazione dei “diritti umani e ambientali”Citando la lettera enciclica Laudato Si'padre Dario Bossi, Provinciale dei Missionari Comboniani in Brasile, ha sottolineato l'importanza di preservare un'estrazione smodata, dannosa per l'ambiente: “Crediamo anche nella possibilità di modelli alternativi di sviluppo, con una transizione dall'estrazione mineraria predatoria a una essenziale” ha affermato padre Bossi.

Il Brasile delle dighe

L'azione dei vescovi arriva dopo un lavoro della Commissione ecclesiastica istituita dai vescovi nel 2017 per studiare le conseguenze delle industrie estrattive a causa dei giacimenti di gas naturale e petrolio che costellano l'intera regione brasiliana. Sullo scenario ha colpito il crollo della diga di Mariana a Bento Rodrigues, avvenuto nel novembre 2015, che ha causato la fuoriuscita di milioni di litri di acque tossiche dovute all'estrazione mineraria. Il crollo ha ucciso 19 persone e devastato un vasto territorio. Da quel crollo, la società deputata alle estrazioni ha assicurato lo smantellamento di altre dighe simili ed istituito un centro di monitoraggio delle altre 111 nel Paese. Per lo smaltimento delle acque reflue, la stessa società ha comunicato un investimento di circa due miliardi di dollari.

Violenza strutturale

“I crimini di Mariana e Brumadinho […] sono una tragica conferma della violenza strutturale che è intrinseca a questo modello”, ha detto padre Bossi, che non si oppone all'estrattivismo, purché sia fatto nel rispetto di tutto l'ecosistema: “Circa il 25% delle terre indigene e altre riserve in Amazzonia è posto all'attenzione di progetti di estrazione mineraria e impatta sugli altri progetti di sviluppo degli indigeni”. Secondo lo studio coordinato dal vescovo di Caxias Maranhao, mons. Sebastiao Lima Duarte, è necessaria una riflessione teologico-pastorale scaturita dal Sinodo dei vescovi per l'Amazzonia. Lo studio ha dimostrato che le popolazioni indigene sono le più vulnerabili alle operazioni minerarie diffuse. Il crollo della diga di Brumadinho, un anno fa, ha causato oltre 250 morti.

Contro l'estrattivismo

La ricerca ha dimostrato che esistono conflitti fra le grandi società e le comunità minerarie, che si riflettono su almeno 60 comunità locali. “L'attuale modello estrattivista consente un'organizzazione sconsiderata e irresponsabile delle operazione” ha detto padre Bossi, aggiungendo che “il Brasile ha sempre avuto un'economia basata sull'estrattivismo”, come mostra la mappatura delle dighe nel Paese, sebbene la più grande societò del Paese, la Vale SA, ha affermato di non gestire miniere nelle terre indigene. Nonostante i disastri, la commissione ecclesiastica sulle miniere non si oppone ad ogni tipo di sfruttamento minerario, secondo quanto sostiene Bossi, ma considera “insostenibili” gli attuali tassi di estrazione e che costituiscono una violazione dei “diritti umani e ambientali”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.