Guerra in Ucraina, Zelensky: “Ci riprenderemo Lysychansk”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha voluto rassicurare il popolo, annunciando che le truppe di Kiev torneranno a Lysychansk grazie alla tattica e alla fornitura di armi moderne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:51
Bucha 04/04/2022 - guerra in Ucraina / foto ufficio stampa Presidente Ucraina/Imago/Image nella foto: Volodymyr Zelensky ONLY ITALY

Nel 131° giorno di guerra in Ucraina, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha voluto rassicurare il popolo, annunciando che “le truppe di Kiev torneranno a Lysychansk grazie alla tattica e alla fornitura di armi moderne”.

La Russia aveva affermato ieri di aver conquistato la città di Lysychansk – l’ultima roccaforte di Kiev nell’oblast di Lugansk – e l’intera regione del Lugansk nell’Ucraina orientale. L’esercito ucraino aveva a sua volta confermato di essersi ritirato da Lysychansk dopo settimane di duri combattimenti con le forze russe.

“Proteggiamo la vita dei soldati e del nostro popolo. Ricostruiremo le mura e riconquisteremo la terra e questo vale anche per Lysychansk“, ha affermato il presidente nel suo video messaggio serale.

“Hanno raccolto tutta la loro potenza di fuoco nel Donbass e possono usare decine di migliaia di proiettili ogni giorno su una parte del fronte”, ha sottolineato Zelensky riferendosi alle truppe russe. “Distruggiamo il potenziale degli occupanti giorno dopo giorno, con giudizio e potenza. E, naturalmente, i sistemi Himars che abbiamo ricevuto e altre armi dai partner svolgono un ruolo importante in questo”, ha affermato il capo di Stato”.

“L’economia russa vive la più grande crisi degli ultimi 50 anni – ha aggiunto -. Il mondo ha rotto i legami con la Russia. Collasso e povertà descriveranno la vita russa finché questo Stato vorrà essere uno Stato terrorista”.

Siria: “Usa e Turchia usano combattenti Isis in Ucraina”

L’ambasciatore siriano in Russia, Riad Haddad, ha detto all’agenzia Tass che gli Stati Uniti e la Turchia inviano in Ucraina combattenti dell’Isis e di altri gruppi islamisti. “Non siamo sorpresi che mandino militanti delle organizzazioni terroristiche Isis e Jabhat al-Nusra da Idlib in Ucraina, perché questi gruppi sono strumenti usati dall’Occidente contro i popoli pacifici”, ha affermato il diplomatico.

Borrell (Ue): “Le sanzionihanno impatti significativi sulla Russia”

Le sanzioni stanno avendo “impatti significativi e crescenti” sulla Russia e “porteranno Vladimir Putin a modificare i suoi calcoli strategici: probabilmente non nell’immediato futuro: le sue azioni non sono guidate in prima battuta da una logica economica. Tuttavia, costringendolo a scegliere tra armi e cannoni, le sanzioni lo chiudono in una morsa che si sta progressivamente stringendo”. Così Josep Borrell, Alto rappresentante dell’Unione europea per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza, in un’intervista a La Stampa.

La Russia bombarda Kramatorsk per il secondo giorno consecutivo

Le forze russe hanno bombardato la città di Kramatorsk, nell’oblast di Donetsk, per il secondo giorno consecutivo. Lo riferisce il sindaco Oleksandr Goncharenko, aggiungendo che “sembra che Mosca abbia di nuovo utilizzato i lanciarazzi Mlrs. Stiamo valutando gli effetti del raid”. “La battaglia per il Donbass non è ancora finita”, aveva commentato ieri il portavoce del ministero della Difesa ucraino Yuriy Sak alla Bbc.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.