Guerra in Ucraina, Usa: “I russi hanno giustiziato chi voleva arrendersi”

Kiev: "Avdiivka bombardata con munizioni al fosforo". Guterres: "La guerra finirà quando la Russia lo decide"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:37

La guerra in Ucraina entra nel suo 64esimo giorno. Secondo l’agenzia statale russa Ria Novosti, citata dalla Bbc, la città di Kherson, nel sud dell’Ucraina, passerà all’uso del rublo la moneta russa dal primo maggio. Il vice presidente dell’amministrazione militare e civile della regione, Kirill Stremousov, ha detto che il passaggio richiederà un periodo di quattro mesi, durante il quale saranno in circolazione sia il rublo che la grivnia ucraina.

Gas e petrolio, l’Ungheria seguirà lo schema russo per il pagamento

Il ministro degli Esteri ungherese ha confermato alla Cnn che il suo Paese utilizzerà lo schema di pagamento messo in atto da Mosca per il petrolio e il gas russo. Difendendo questa decisione, Peter Szijjártó ha ricordato che “l’85% della fornitura di gas” all’Ungheria “proviene dalla Russia”, così come “il 65% del petrolio”. “Come mai? Perché questo è determinato dall’infrastruttura. Non è per divertimento, non abbiamo scelto questa situazione”, ha detto Szijjártó alla Cnn riportato da TgCom24.

“Mariupol sarà annessa alla regione russa di Rostov”

Mariupol entrerà a far parte della regione russa di Rostov, o almeno questa è l’intenzione dell’autoproclamato “sindaco” di Mariupol, Konstantin Ivashchenko, secondo quanto riferito su Telegram da Petro Andryushchenko, consigliere del legittimo sindaco di Mariupol. Secondo Andryushchenko, i bambini rimasti nella città, raccolti nell’unica scuola che non è stata danneggiata dagli aggressori, sono stati obbligati a registrare sui loro quaderni l’affiliazione alla Russia, apponendo nella data “Mariupol. Regione di Rostov”.

Kiev: “Avdiivka bombardata con munizioni al fosforo”

Le forze russe hanno bombardato due volte la città di Avdiivka, nella regione orientale ucraina di Donetsk, con munizioni al fosforo. Lo ha denunciato il capo dell’amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko, “I russi hanno colpito due volte Avdiivka con munizioni al fosforo. Prima hanno attaccato la notte scorsa nelle vicinanze dell’impianto di coke di Avdiivka e questa mattina, nel centro della città. A seguito dei due bombardamenti con pezzi di artiglieria, sono scoppiati diversi incendi nel città”.

Usa: “I russi hanno giustiziato chi voleva arrendersi, abbiamo le prove”

“Ora abbiamo informazioni credibili che un’unità militare russa operante nelle vicinanze di Donetsk ha giustiziato gli ucraini che stavano tentando di arrendersi, piuttosto che prenderli in custodia”. Lo ha dichiarato alle Nazioni Unite Beth Van Schaack, ambasciatrice degli Stati Uniti per gli affari di giustizia penale internazionale. “Se fosse vero, ciò costituirebbe una violazione di un principio fondamentale delle leggi di guerra, il divieto di esecuzione sommaria di civili e combattenti fuori combattimento in virtù di resa, ferita o altre forme di incapacità”, ha spiegato. Gli Usa hanno anche ricevuto rapporti che documentano “esecuzioni di persone alle quali erano state legate le mani, torture e violenze sessuali contro donne e ragazze”.

Ukrinform: “Da inizio guerra oltre 22mila vittime russe”

Secondo il centro per la Comunicazione strategica di Kiev, tra il 24 febbraio e il 27 aprile il bilancio delle perdite della Russia in Ucraina ha raggiunto quota 22.400. Ukrinform ha anche riferito che l’esercito ucraino ha abbattuto un drone russo su Odessa, nel Mar Nero meridionale.

Guterres: “La guerra finirà quando la Russia lo decide”

“La guerra non finirà con le riunioni. La guerra finirà quando la Federazione Russa deciderà di finirla e quando ci sarà – dopo un cessate il fuoco – la possibilità di un accordo politico serio. Possiamo avere tutte le riunioni, ma non è questo che farà finire la guerra”. Lo ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, in un’intervista alla Cnn.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.